Comunicazione, New media

01 luglio 2013 | 16:01

Mark Zuckerberg sfila al Gay Pride di San Francisco. Con 700 impiegati di Facebook (e 1.400 di Google)

Mark Zuckerberg al Gay Pride di San Francisco. Il creatore del social network più famoso del mondo ha guidato il folto contingente di Facebook, composto da 700 impiegati – più del 15% del suo staff – alla parata annuale per chiedere pari diritti per il movimento Lgbt (gay, lesbiche, bisessuali e transgender). A raccontarlo è il Wall Street Journal.

Due anni fa, gli impiegati di Facebook erano stati solo 70, che si erano presentati con una jeep e uno stereo malridotto; alla parata di ieri, invece, a bordo del carro di Facebook c’era persino il suo amministratore delegato. Un’adesione massiccia, come quella di Google, presente con 1.400 lavoratori (+40% rispetto alla scorso anno): un modo per dimostrare che le aziende hi-tech sostengono il movimento e le sue rivendicazioni.