Rai: accordo con i sindacati sull’uscita di 600 dipendenti

(MF-DJ) E’ stata siglata questa mattina l’intesa tra la Rai, assistita da Unindustria, e le organizzazioni sindacali Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, Ugl Telecomunicazioni e Snater per regolare l’uscita di 600 risorse, entro il 31 dicembre 2013,  attraverso l’esodo volontario, il meccanismo di accompagnamento alla pensione e il ricorso alla legge 223/91.

L’intesa, si legge in una nota di viale Mazzini, completa una parte importante del piano industriale varato dalla Rai. Gli interventi consentiranno di procedere cosi’ ad un ricambio del mix occupazionale, mediante l’inserimento di nuove professionalita’, l’anticipazione del programma di stabilizzazione dei precari e una diversa regolamentazione dei collaboratori con contratto atipico, al fine di adeguare le competenze del personale in funzione delle esigenze editoriali e di innovazione tecnologica.

Il piano prevede infatti anche l’ingresso di 200 giovani per concorso con contratti di apprendistato e stabilizzazione dei precari. Anche i nuovi giornalisti verranno assunti attraverso concorso nazionale, la scuola di Perugia e la stabilizzazione anticipata dei precari. L’intesa non e’ stata sottoscritta dal Libersind. com/ren

(END) Dow Jones Newswires

July 04, 2013 06:58 ET (10:58 GMT)

Copyright (c) 2013 MF-Dow Jones News Srl.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi