Il Brasile nel mirino di controlli Usa

(ANSA) Gli Stati Uniti hanno violato in Brasile la privacy di milioni di comunicazioni trasmesse via telefonate e mail, sottolinea oggi un quotidiano locale, sulla base di documenti ottenuti da Edward Snowden. “In Brasile, l’Agenzia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti ha spiato nel corso degli ultimi dieci anni cittadini e imprese”, ha indicato il quotidiano O Globo. Sebbene non ci siano al riguardo “dati precisi”, il livello “delle informazioni monitorato è gigantesco”, precisa il giornale, che pubblica una mappa con le intercettazioni clandestine rivelate dalla ‘talpa’ del Datagate. Insieme a paesi quali Cina, Russia, Iran e Pakistan, il Brasile “é al centro” di tali intercettazioni, aggiunge ancora il quotidiano, precisando inoltre che “a causa delle sue reti digitalizzate molto estese, sia private sia pubbliche”, il Brasile è un obiettivo vulnerabile, ed è stato quindi – conclude il giornale – nel mirino dei controlli americani. Sia il ministero della difesa sia l’Agenzia per le informazioni nazionali hanno precisato che per il momento non intendono fare alcun commento in merito all’articolo del quotidiano. (ANSA, 7 luglio 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Agenzie, Palazzo Chigi accelera su definizione lotti. Agi scelga entro venerdì

Fatto, rabbia dei giornalisti: a noi sacrifici, ai soci dividendi. Monteverdi: interferenza senza precedenti

Governo Uk: cessione delle News a Disney soddisfa criteri per ok all’acquisto di Sky da parte di Fox