Calo dei dati di ascolto dei telegiornali

(AGI) Un generale calo dei dati di ascolto dei telegiornali trasmessi dalle principali emittenti nazionali, mentre c’e’ piu’ attenzione degli spettatori verso forme di informazione alternativa. Lo segnala la relazione Agcom illustrata al Parlamento dal presidente Angelo Marcello Cardani. Sia nelle fasce mattutine sia in quelle serali, Tg1 e Tg5 perdono quasi 2 punti percentuali di ascolti ciascuno. Anche il Tg di La7, che nel 2011 aveva fatto registrare un aumento dei valori di ascolto (fino al 10% in fascia serale), ha un calo di 2 punti percentuali. Sostanzialmente stabili i dati di ascolto di Sky TG24, con valori di poco inferiori allo 0,5%. (Roma, 9 luglio 2013. AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Le linee broadband di rete fissa raggiungono i 16,4 milioni di unità. Mentre si vendono poco più di 3 milioni di quotidiani in Italia (-11%). E trascorriamo più di un’intera giornata al mese su Facebook

Le disposizioni della Commissione di Vigilanza sulla presenza dei politici nelle trasmissioni Rai e sulla par condicio (DOCUMENTI)

La televisione è il mezzo più convincente quando si tratta di pubblicità. Più della stampa e dei social network. I millennials sono la generazione più facile da persuadere (INFOGRAFICHE)