Zappia: Sky premiata per gli investimenti ma il calo del settore è grave

(ANSA) Sky viene “premiata” dal mercato per i suoi “investimenti”, ma è preoccupata per “il calo costante della redditività di tutto il sistema tv”. Così Andrea Zappia, ad di Sky Italia, commenta con l’ANSA la Relazione Agcom, che incorona la tv satellitare regina dei ricavi 2012, chiedendo “regole nuove, che valgano per tutti”. “Sky viene premiata dai suoi abbonati per la scelta di proseguire sulla strada degli investimenti sia tecnologici che dedicati all’arricchimento dei contenuti – argomenta Zappia – nonostante la difficile e persistente congiuntura economica. Questi investimenti generano tra l’altro un circolo virtuoso nell’industria italiana dell’audiovisivo sostenendo il talento e la creatività nel Paese”. “In un mercato in cui i competitor principali confermano di avere ricavi quasi equivalenti – continua l’ad di Sky Italia – il dato che preoccupa è il calo costante della redditività di tutto il sistema televisivo. Operiamo ormai un unico mercato dell’intrattenimento, sempre più ‘ibrido’, in cui gli operatori si contendono le diverse risorse disponibili su tutte le piattaforme: abbonamenti, pubblicità, contenuti e soprattutto l’attenzione degli spettatori. L’industria sta vivendo un momento di trasformazione epocale con il continuo ingresso di nuovi soggetti e bisogna avere il coraggio di guardare alle cose con lungimiranza. Servono regole nuove, che valgano per tutti, basate su un approccio tecnologicamente neutro che mette il cliente al centro”. (ANSA, 9 luglio 2013).

Andrea Zappia (foto Olycom)

Andrea Zappia (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi