Televisione

10 luglio 2013 | 11:35

Italiani poco in Rete. Un terzo non usa Internet

(Avvenire.it) Il 2012 incorona Sky regina dei ricavi, con il gran sorpasso su Mediaset e Rai. Ma certifica anche il “digital divide” rispetto all’Europa – un italiano su tre non mai avuto accesso al web – e la drammatica flessione delle risorse nel mercato delle comunicazioni, scese del 6.6%, con un crollo verticale nell’editoria, che in un anno ha bruciato un miliardo. In controtendenza solo Internet, (+12%), ma con una quota ancora limitata al 4% della torta totale. È la fotografia scattata dall’Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni nella Relazione annuale al Parlamento, la prima per il collegio presieduto da Angelo Marcello Cardani.

Annus horribilis per il sistema delle comunicazioni, il 2012 ha visto i ricavi scendere da 65,8 a 61,4 miliardi: più forte la flessione nei media (tv, radio, Internet ed editoria) a -8,9%, mentre le tlc sono calate del 6,4%, i servizi postali del 2,6%. In particolare, l’editoria ha perso l’anno scorso il 14% del fatturato (da 6,180 miliardi del 2011 a 5,307 miliardi): i ricavi dei quotidiani sono scesi del 10.5%, quelli dei periodici del 17.3%. Segno meno in tutti i comparti (fatta eccezione per Internet, +10.3%) nei ricavi pubblicitari: -17.9% per la tv, -7.1% per la radio, -19.1% per l’editoria, -20% per gli annuari, -18.7% per il cinema, -12.5% per la pubblicità esterna.

Sul fronte tv, Sky conquista lo scettro dei ricavi: l’anno scorso la tv di Rupert Murdoch ha rastrellato 2,63 miliardi (il 32% del totale, ma in calo dell’1.4%), Mediaset 2,49 miliardi (il 30.2%, -13.2%), Rai 2,34 miliardi (il 28.5% del totale, -7.5%). Per TI Media ricavi da 146,6 milioni, mentre gli altri operatori hanno sfiorato i 615 milioni. Ancora più evidente il predominio assoluto di Sky nella pay tv, con una quota del 77.6%; a netta distanza Mediaset (17.8%), poi gli altri operatori (4.6%). La Rai si accontenta, complice il canone (+2.3%), del dominio nella tv gratuita, con il 48.3% dei ricavi (poi Mediaset con il 38.9% e TI Media con il 3%). La ‘vecchià tv generalista raccoglie ancora il 75% dell’audience, ma il digitale terrestre ormai raggiunge il 15% e supera anche il satellite.

L’Autorità farà la sua parte anche nel ridisegno del ruolo del servizio pubblico: Cardani invita la Rai a “ridurre gli sprechi, focalizzare le attività e modernizzare l’offerta, soprattutto online”. Non ride il settore delle tlc. “Una fetta della popolazione – avverte Cardani – è ai margini della rete” e l’Italia è “al quarto posto in Europa nella non non invidiabile classifica del numero di individui che non ha mai avuto accesso a Internet (37,2% contro una media Ue27 di 22,4%)”. Inoltre le reti fisse di nuova generazione restano “al palo” e l’Lte gira a “velocità ridotta”. La crisi morde anche questo settore, con i ricavi scesi nel 2012 del 6.4% a 37,97 miliardi, contro i 40,59 del 2011. In particolare, la rete fissa cala del 5,7% e quella mobile del 7,1%; allo stesso tempo, però, il traffico langue sulla rete fissa (-7,5%), ma prospera su quella mobile (+6%). Quanto alle quote di mercato, nella telefonia fissa Telecom è stabile (61.2% contro 61.7% del 2011), in quella mobile (ricavi) torna in testa con il 34.4% e Vodafone torna seconda (32.4%). (Avvenire.it)

Relazione Agcom – Tlc