In Usa siti sulla salute che schedano gli utenti e inviano pubblicità

(Agi)  Molti dei siti web sulla salute tengono traccia delle ricerche fatte dagli utenti per poi inviare loro pubblicita’ mirate. Lo ha scoperto un ricercatore dell’Universita’ della California, con uno studio pubblicato da ‘Jama Internal Medicine’. Marco Huesch della University of Southern California di Los Angeles ha visitato i venti siti piu’ popolari negli Usa sulla salute con un computer dotato di software per la salvaguardia della privacy. I portali istituzionali, ha scoperto lo studio, come quello dell’Fda, non memorizzano le ricerche, mentre diversi fra quelli privati piu’ grandi, in totale sette su venti, hanno invece ‘schedato’ l’utente inviandogli poi pubblicita’ mirate. “E’ un piccolo studio – scrive l’autore – ma dal punto di vista della tutela della privacy solleva molti interrogativi”. (New York, 10 luglio 2013. Agi)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Accordo alla Mondadori: taglio agli stipendi per non vendere TuStyle e Confidenze

Crimi: la professione giornalistica va tutelata, presto alcune novità

Istruttoria Agcom su Audiweb 2.0. Fari puntati sulla privacy