Ascolti Rai del 14 luglio 2013

(ASCA) Ancora un ottimo risultato per la fiction ”Una grande famiglia” trasmessa su Rai1 ieri, domenica 14 luglio, che ha stravinto il prime time avendo ottenuto 2 milioni 400 mila spettatori e uno share del 13.13. La serata televisiva prevedeva su Rai2 un episodio del telefilm ”Hawaii five-0” che ha realizzato 1 milione 880 mila spettatori e uno share del 9.78 e il primo episodio di ”Under the dome” che ha segnato 1 milione 822 mila e il 9.52. Su Rai3 buon risultato per il programma di Licia Colo’ ”Kilimangiaro sere d’estate” con 1 milione 495 mila spettatori e uno share dell’8.09. Da segnalare su Rai3 alle 15.28 l’arrivo della tappa del Tour de France che ha fatto registrare 1 milione 471 mila spettatori e uno share dell’11.99.

Sempre ottimi risultati per i canali digitali specializzati nella giornata di ieri: vince questa speciale classifica dei programmi piu’ visti su Rai Sport 2 alle 15.29 l’arrivo della tappa del Tour de France con 834 mila spettatori e uno share del 6.80; al secondo posto su Rai Yoyo alle 21.42 un cartone della serie ”Peppa pig 2” con 428 mila e il 2.18; terza posizione su Rai Premium alle 21.10 per il film tv della serie ”Nora Roberts collection” con 351 mila e l’1.84; su Rai 4 alle 16.19 il telefilm ”Sherlock Holmes” con 217 mila e il 2.09; su Rai Movie alle 21.18 il film ”Guida per riconoscere i tuoi santi” con 166 mila e lo 0.89; su Rai Gulp alle 22.07 un episodio del cartone ”Winx club 3” con 154 mila e lo 0.81. Nettissima vittoria delle reti Rai in prima serata con 7 milioni 245 mila spettatori e uno share del 38.45 e nell’intera giornata con 3 milioni 324 mila e il 36.79. (Roma, 15 luglio 2013. Asca)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi