Manager

16 luglio 2013 | 17:14

Gabriele Mirra, vice president della business unit portal di Italiaonline

Gabriele Mirra

Gabriele Mirra, vice president della business unit portal di Italiaonline

Il 16 luglio 2013 Gabriele Mirra è nominato vice president della business unit portal di Italiaonline, la nuova grande realtà digitale italiana, che da febbraio 2013 riunisce tutti i brand e gli asset di Libero e Matrix.

Gabriele Mirra, 40 anni, dal 2011 è vice president marketing and communication del Gruppo, dopo aver maturato una significativa esperienza in Libero, come direttore marketing. Dal 2007 al 2011, ha ricoperto l’incarico di portal marketing and partnership director in Wind, dopo aver maturato una rilevante esperienza manageriale e preso parte allo start-up di Buongiorno Spa; ha iniziato la sua carriera come consulente di direzione in Andersen Consulting.

Nel suo nuovo ruolo Gabriele Mirra risponde direttamente all’amministratore delegato di Italiaonline, Antonio Converti, e avrà la responsabilità di coordinare  tutte le attività operative della Business Unit Portal, dedicata alla gestione dei due principali portali italiani, Libero e
Virgilio, che rappresentano la più importante web property italiana.

Mirra si occuperà in particolare della definizione delle strategie di marketing, editoriali e commerciali e avrà la responsabilità del raggiungimento degli obiettivi di business della divisione, avendo a proprio riporto anche la concessionaria di pubblicità nazionale Italiaonline Adv, affidata a Salvatore Ippolito.

Tra i primi progetti coordinati da Mirra nel suo nuovo ruolo, il completamento del
posizionamento di Italiaonline Adv, il rilancio e riposizionamento strategico di Virgilio e lo sviluppo di un nuovo portafoglio pubblicitario che, facendo leva su contenuti multimediali ad alto impatto, sfrutterà  le potenzialità editoriali e di audience di Libero e Virgilio e sarà commercializzato con una logica di alta segmentazione della customer base, per soddisfare ancora di più le esigenze di comunicazione degli inserzionisti.