Legittima la richiesta di contributi all’Agcom dagli operatori delle telecomunicazioni

(AGI) E’ legittima, secondo la Corte di Giustizia Ue, la richiesta agli operatori delle telecomunicazioni di versare un contributo per le spese di funzionamento dell’autorita’ nazionale di regolamentazione del settore Agcom.
L’interpretazione era stata chiesta alla Corte dal Tar del Lazio, a cui avevano fatto ricorso gli operatori italiani, contestando la richiesta di un mancato versamento, per il periodo 2006/2010, di una parte del contributo (in particolare, si trattava di 14.593.034 euro per Vodafone Omnitel, 519.977 euro per Fastweb, 2.966.985 euro per Wind, 26.754.093 euro per Telecom Italia, 9.625.022 per Sky Italia).

Secondo la Corte, pero’, il contributo deve essere “esclusivamente destinato alla copertura di costi relativi alle attivita’ menzionate” nella legge italiana che lo stabilisce; inoltre, “la totalita’ dei ricavi ottenuti a titolo di detto diritto non deve superare i costi complessivi relativi a tali attivita’” e infine il contributo deve essere “imposto alle singole imprese in modo proporzionato, obiettivo e trasparente, circostanza che spetta al giudice del rinvio verificare”. (18 luglio 2013, AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci