Si apre al Parlamento greco il dibattito sulla chiusura della Ert

(ANSA) Si apre oggi al Parlamento ellenico il dibattito sul disegno di legge che prevede la sospensione delle trasmissioni della televisione pubblica (Ert) e la sua ristrutturazione “radicale”, con il licenziamento di una parte di giornalisti e di lavoratori dell’azienda. Secondo vari osservatori, il dibattito (che dovrebbe durare almeno due giorni) sarà piuttosto acceso visto il clima di tensione nel quale si è svolta ieri la discussione sulla proposta di Syriza (sinistra radicale) che chiede l’istituzione di una commissione d’inchiesta parlamentare sulla questione della Ert. Intanto i lavoratori dell’azienda al termine di una lunga assemblea hanno deciso a grande maggioranza di proseguire l’occupazione del quartier generale di Agia Paraskevi, un sobborgo a Nord di Atene, mentre le associazioni sindacali del settore della stampa hanno proclamato una serie di scioperi di 24 ore, a partire da oggi, dei giornalisti e dei lavoratori delle maggiori stazioni televisive private della Grecia (Alpha, Ant1, Mega, Macedonia, Skai e Star) per esprimere la loro solidarietà ai lavoratori della Ert e la loro contrarietà alla chiusura della televisione statale. (ANSA, 19 luglio 2013).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi