10 anni di Sky che hanno cambiato la televisione italiana

(ASCA) Il 31 luglio 2003 la tv italiana cambio’ di colpo, con l’avvio delle trasmissioni di Sky: 100 canali furono improvvisamente disponibili per telespettatori abituati a vederne 7-8 in chiaro e un’altra manciata sulle due piccole pay tv dell’epoca, Stream e Telepiu’. Nelle case degli abbonati iniziarono a entrare i migliori programmi dal mondo. Innescando novita’ talmente dirompenti da poter essere definite rivoluzioni. Da quel giorno sono passati 10 anni, sono stati trasmessi su Sky circa 8 mila film, 3000 dei quali in prima visione. E ancora, 300 serie tv ogni anno e 75 mila ore di diretta di eventi sportivi autoprodotti, che hanno regalato, ad esempio, l’emozione di piu’ di 80 mila gol da tutto il mondo.

Oggi 4,78 milioni di famiglie scelgono quotidianamente di seguire i programmi della piattaforma Sky, che conta 180 canali, di cui 57 in Alta Definizione e 1 in 3D, per un’offerta che non ha eguali in Italia. Ed e’ senza fine la quantita’ di primati raccolti e di novita’ portate da Sky nella programmazione, nella visione, nella tecnologia, nei moduli di racconto di eventi di sport, spettacolo, fiction, in documentari e programmi per bambini e nel numero di titoli resi disponibili in questi 3650 giorni. (23 luglio 2013, Asca)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi