Denuncia Sel-M5S: Vogliono mettere il bavaglio al web

(ANSA) ”Vogliono imbavagliare la Rete”. E’ l’accusa mossa ai partiti della maggioranza dai deputati di M5S e Sel. ”Voglio estendere la diffamazione a mezzo stampa anche ai siti editoriali, ma così si rischia di zittire il web”, dice Alfonso Bonafede, del M5S. ”Nella distrazione generale, in commissione Giustizia alla Camera si sta tentando di calare un colpo all’informazione in Rete. In maniera totalmente surrettizia Pdl, Pd e Scelta civica hanno presentato emendamenti per estendere la nuova disciplina sulla diffamazione a mezzo stampa anche ‘ai siti internet aventi natura editoriale’. Un colpo di mano silenzioso cui ci opporremo”, afferma il capogruppo Sel in commissione Giustizia Daniele Farina spiegando che il tutto avviene ”nonostante il parere negativo del governo, che ha rilevato la totale indeterminatezza della definizione, e nonostante nel testo base del deputato Costa non compaia mai il tema, ma anzi ne sia stato esplicitamente espunto”. Si tratta, prosegue Farina, di ”un colpo di mano liberticida che si copre del plauso sul venir meno del carcere per i giornalisti: vera novità di un provvedimento che è calendarizzato già venerdì nell’aula di Montecitorio. Estendere in maniera indistinta al web norme costruite per le testate giornalistiche – conclude – significa non capire la necessità di un ragionamento più specifico sulle caratteristiche, i mezzi e le dimensioni della maggior parte dei siti operanti nella rete che, peraltro, la commissione ha ampiamente ignorato nelle proprie audizioni”.(ANSA, 24 luglio 2013).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Piero Angela torna super senza la concorrenza del calcio. Bene Telese e Parenzo

Macelloni (Inpgi): nell’editoria l’economia digitale ha portato finora solo recessione

Mentana, progetto digitale per “ricucire divorzio tra informazione e giovani”, ma i ragazzi “hanno poca voglia di rischiare”