La terra promessa

La Puglia per i produttori di cinema e fiction è diventata il luogo ideale dove lavorare grazie ai fondi e ai servizi forniti dall’Apulia Film Commission. Istituita nel 2007 dal governatore Nichi Vendola, è diventata un modello nazionale: una preziosa macchina di promozione economica, culturale e turistica della Regione. Vi raccontiamo come.

Nichi Vendola (foto Olycom)

Nichi Vendola (foto Olycom)

“Perché una film commission prosperi e possa essere competitiva, la prima condizione è che la commessa politica sia certa e chiara. Ma occorre anche saper parlare la stessa lingua dei produttori di contenuti audiovisivi e, quindi, lavorare per loro e non per soddisfare altre esigenze. E, infine, bisogna fare il nostro mestiere in maniera trasparente ed efficiente e farlo con i giovani”. Silvio Maselli, che sembra assai più giovane dei suoi 37 anni, è un manager della cultura con tutti i crismi, è titolato a sentenziare di film commission avendo costruito dal nulla un modello che fa scuola a livello nazionale. Parliamo dell’Apulia Film Commission di cui è il direttore generale dalla fondazione e che merita di essere raccontata perché la sua storia è un concentrato di buona politica, managerialità competente e tanta voglia di fare.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 441 – Agosto 2013

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mondadori Libri va sui mercati internazionali con il nuovo marchio Rizzoli Electa

PRINCIPALI NOTIZIE E INTERVISTE NEL NUMERO 487 – OTTOBRE 2017

PRINCIPALI SERVIZI E INTERVISTE NEL NUMERO 486 – SETTEMBRE 2017