Editoria

01 agosto 2013 | 0:04

Per il Sole 24 Ore cura dimagrante e digitale La prima semestrale firmata dal presidente Benito Benedini

E’ all’insegna di severi risparmi la prima semestrale del Sole 24 Ore Spa firmata dal presidente Benito Benedini e approvata oggi, 31 luglio 2013, dal consiglio di amministrazione del gruppo. Si evidenziano infatti tagli sul costo del personale di 6,6 milioni di euro (-8%) e di 16,2 milioni per altri costi di rispetto allo stesso periodo del 2012, risultato del lavoro portato avanti negli ultimi mesi dai vertici del gruppo per incidere dove era possibile e per rendere operante il piano approvato dal cda. Diminuiscono per 4 milioni di euro i costi delle materie prime e di consumo; si riducono di 3,2 milioni (-15,8%) i costi di distribuzione e di 6,7 milioni (-19,8%) i costi di produzione. La razionalizzazione delle strutture di vendita ha portato un taglio di 1,9 milioni per costi provvigionali e altri costi di vendita. Una dura cura per contenere le perdite che pur segnano 21,3 milioni di euro rispetto agli 8, 4 dell’anno scorso, effetto della recessione economica che sta falcidiando i ricavi (pubblicita’ e vendite) del settore editoriale. La voce ricavi e’ a quota 197, 9 milioni di euro (-13,8%). Ma la semestrale mette in evidenza anche notizie positive che arrivano dal fronte digitale e da quello di Radio 24. I dati sottolineano come Il Sole con 75.900 copie medie diffuse sul digitale si piazza al primo posto nella classifica digitale dei quotidiani nazionali, mentre conquista il terzo posto dopo Corriere e Repubblica per diffusione complessiva carta + digitale: 300.100 copie secondo i dati Ads di maggio. Inoltre nel documento orgogliosamente si sottolinea come il Sole 24 Ore sia ” l’unico tra i quotidiani nazionali ad aver introdotto il sistema metered, con 8.000 abbonamenti al 30 giugno, diffusione del quotidiano digitale, offerta business class e nuovi prodotti), unita alle azioni di razionalizzazione dei costi, dei prodotti e dell’assetto produttivo (che andrà a regime nel secondo semestre) ha consentito di migliorare significativamente (6 milioni di euro) il margine dell’Area Editrice, al netto dei ricavi pubblicitari”. I ricavi digitali di gruppo sono saliti a 71,6 milioni di euro (+36,2% del totale nei primi sei mesi del 2013 rispetto al 30% del totale nello stesso periodo del 2012),e nella semestrale si segnala come la crescita sia legata ” ai ricavi da editoria elettronica e servizi telematici, alla pubblicità su mezzi digitali e al successo delle nuove offerte digitali del quotidiano”. Spiegando che “Crescono i ricavi digitali di Tax & Legal (+1,5%) e si attestano al 55% dei ricavi dell’area (erano al 47% nel primo semestre 2012) consentendo di mantenere l’incidenza dell’Ebitda su valori in linea con lo stesso periodo del precedente esercizio. Gli abbonati alle sole versioni digitali dei periodici rivolti all’area professionale sono in crescita del 27%”, recita il comunicato del Sole. Per quanto riguarda Radio 24 continua la sua scalata nella classifica delle radio nazionali, salita dal nono all’ottavo posto, con 2.134.000 ascoltatori nel giorno medio (+14,3%).

 

Scarica Il comunicato stampa sulla semestrale del Sole 24 Ore