Cina: giornalisti cinesi a lezione di marxismo. Obbligati a tornare a scuola per almeno due giorni

(ANSA) I giornalisti cinesi sono obbligati a tornare a scuola per almeno due giorni per imparare il marxismo. E’ quanto è contenuto in un regolamento diffuso nei giorni scorsi dal dipartimento di propaganda del Partito Comunista. Così tutti i 307.000 giornalisti cinesi dovranno seguire le nuove lezioni che si terranno prima nelle redazioni dei grandi giornali per poi finire in quelli più piccoli. Un gruppo di ispettori fino a febbraio controllerà l’applicazione del nuovo regolamento. Secondo le autorità queste lezioni sono rivolte soprattutto alle nuove leve del giornalismo cinese che non conoscono bene il marxismo. L’intento è quindi quello di puntellare l’unità ideologica, uniformare sempre più l’informazione ed evitare la diffusione di notizie false. In questo senso, le autorità hanno deciso un maggiore controllo della rete, dei microblog, dei siti, ma anche delle applicazioni usate per l’instant messaging, come WeChat, la più usata in Cina, della quale si stanno controllando gli account. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

“Stop disinformazione sull’online gaming”. Ass. Logico: in Italia gioco più sicuro e regolato al mondo; il mercato vale 1.4 mld

Teo Teocoli su R101. Salvaderi (RadioMediaset): obiettivo 3 mln ascoltatori

Tronc torna sui suoi passi e valuta se recuperare il vecchio nome ‘Tribune Publishing’