Novità Twitter: conversazioni a suon di tweet ora più ordinate. C’è anche pulsante per riportare ‘abusi’

(ANSA) Una linea blu per unire le conversazioni lunghe che avvengono a suon di ‘tweet’. È la novità introdotta da Twitter, su web e per le app iOS e Android, che punta a ordinare e rendere subito visibili i botta e risposta – sulla falsa riga di Facebook – che finora si ‘perdevano’ nel mare magnum dei ‘cinguettii’. Ma non è l’unico aggiornamento. Dopo il caso sollevato in Uk per le minacce via Twitter a una giornalista, sarà su tutte le piattaforme il pulsante per segnalare e riportare un ‘abuso’. Finora gli scambi di opinione su Twitter, di risposta in risposta a un ‘cinguettio’, erano difficili da seguire: da quelli inerenti a conversazioni politiche e giornalistiche ai commenti di eventi mediatici o show tv. Spesso, anche per gli account di organizzazioni o servizi, critiche, segnalazioni o suggerimenti erano difficilmente ‘tracciabili’. La novità consiste in un indicatore visivo, una linea blu, che unisce i tweet di risposta: vengono mostrati insieme, in ordine cronologico. Si potranno anche condividere intere conversazioni, via mail. Ma le novità del microblog non finiscono qui: il pulsante per segnalare cinguettii d’abuso o di minaccia sarà implementato anche su Twitter.com e sull’applicazione per Android, oltre che sui dispositivi iOS di Apple. Infine, l’azienda californiana ha anche acquistato Trendrr, una start up specializzata nell’analisi in tempo reale dei messaggi scambiati dagli internauti sui social in merito a programmi tv. Solo qualche settimana fa uno studio Nielsen ha certificato per la prima volta che esiste un legame fra gli show tv più seguiti e il contemporaneo flusso di tweet fra telespettatori, che influenzano così lo share. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Usigrai: serve una riforma del servizio pubblico. Ora vertici di alto profilo

Vodafone risponde a Iliad e si prepara a lanciare l’operatore low cost Ho

I Cdr di tutta Italia invocano gli Stati generali dell’informazione