Documenti, New media

02 settembre 2013 | 17:18

Facebook aggiorna le regole sulla privacy

Erin Egan, chief privacy officer di Facebook, ha pubblicato il 29 agosto 2013 in una nota alcuni aggiornamenti relativi a due importanti documenti legali della piattaforma. Si tratta nello specifico della Normativa sull’utilizzo dei dati e della Dichiarazione dei diritti e delle responsabilità, che spiegano il modo in cui il social network raccoglie i dati degli utenti e le regole che questi ultimi accettano quando decidono di iscriversi.

Eccone gli aggiornamenti:

Dichiarazione dei diritti e delle responsabilità

Cellulari e altri dispositivi. Facebook fornisce i propri servizi gratuitamente, ma vogliamo assicurarci che gli utenti sappiano di essere a carico di eventuali addebiti e costi, inclusi quelli relativi all’invio di messaggi di testo e al trasferimento dei dati, associati all’utilizzo di Facebook e alla ricezione di contenuti sul loro dispositivo, inclusi quelli sponsorizzati o di natura commerciale.

Informazioni sulla pubblicità e altri contenuti commerciali pubblicati o supportati da Facebook. Nell’ambito di un accordo legale, abbiamo accettato di illustrare più in dettaglio le modalità in cui Facebook può utilizzare nome, foto del profilo, nonché altri contenuti e informazioni riguardanti l’utente in relazione ad inserzioni e contenuti commerciali. Abbiamo incluso un esempio di come funzionano queste inserzioni e abbiamo spiegato che rispettiamo la scelta degli utenti di limitare il loro pubblico. Abbiamo inoltre incluso una disposizione in cui si richiede agli utenti minorenni di confermare che un genitore o tutore abbia accettato per loro conto tale sezione dei nostri termini.

- Disposizioni speciali applicabili al software.  Abbiamo spiegato che, scaricando il nostro software e le nostre applicazioni, l’utente ci autorizza a mantenere aggiornati tali elementi, aiutandoci in questo modo a migliorare, a supportare e a sviluppare ulteriormente il software.
- Controversie. Abbiamo attuato una modifica amministrativa relativa all’ubicazione della nostra sede principale.
- Disposizioni speciali applicabili agli utenti al di fuori degli Stati Uniti.  Abbiamo chiarito che gli utenti non sono autorizzati a utilizzare Facebook se non è loro consentito ricevere prodotti o servizi dagli Stati Uniti.
- Definizioni. Abbiamo aggiornato il termine “utilizzo” per chiarire che include ogni esecuzione di Facebook da parte degli utenti.

Normativa sull’utilizzo dei dati

Informazioni ricevute da Facebook e relative modalità di utilizzo >> Informazioni ricevute da Facebook sugli utenti

Informazioni personali.  Abbiamo chiarito quando gli utenti comunicano con noi, ad esempio inviandoci un’e-mail, vengono condivise delle informazioni con Facebook.

Altre informazioni ricevute da Facebook sugli utenti.  Abbiamo apportato alcuni aggiornamenti alla presente sezione allo scopo di:
- semplificare la spiegazione relativa a quando vengono ricevute informazioni dagli utenti (ad esempio, quando questi ultimi utilizzano o eseguono Facebook);
- chiarire che alcune delle informazioni che Facebook riceve dai dispositivi utilizzati dagli utenti per accedere a o eseguire Facebook provengono da, e riguardano il, dispositivo stesso (ad esempio, l’indirizzo IP, il sistema operativo o il numero di cellulare);
- aggiungere un esempio per illustrare in che modo Facebook utilizza i dati in suo possesso relativi agli utenti e ai loro amici per offrire agli utenti un’esperienza personalizzata (ad esempio, suggerendo amici e scegliendo notizie da includere nella sezione Notizie);
- spiegare che Facebook fornisce i dati ai propri inserzionisti solo dopo aver rimosso le informazioni personali oppure dopo averle combinate con altri dati, in modo che non sia più possibile identificare gli utenti.

Nome utente e ID utente. Abbiamo chiarito le definizioni di Nome utente e ID utente per agevolarne la comprensione e illustrare in modo più semplice come possono essere utilizzati per identificare e contattare gli utenti, ad esempio attraverso un URL di Facebook (facebook.com/username) o inviando agli utenti un messaggio (username@facebook.com).

Utilizzo da parte di Facebook delle informazioni ricevute. Abbiamo apportato alcuni aggiornamenti alla presente sezione allo scopo di:
- sottolineare che, utilizzando i nostri servizi, gli utenti ci autorizzano a utilizzare le informazioni ricevute per consentire il funzionamento di Facebook.
- aggiungere un esempio per puntualizzare che Facebook può condividere informazioni con fornitori di servizi che ci aiutano ad erogare i nostri servizi.
- ribadire che le informazioni pubbliche sono accessibili da tutti sia all’interno che all’esterno di Facebook.
- spiegare che Facebook utilizzerà le foto dei profili per suggerire tag degli utenti nelle foto.

Condivisione e possibilità di trovarti su Facebook
Controllo su ogni post. Abbiamo aggiunto un esempio per spiegare che, se il pubblico di un post viene modificato dopo il commento di qualcuno, tale modifica potrebbe avere conseguenze su chi è in grado di visualizzare il commento.  Inoltre, abbiamo spiegato in modo più semplice che gli utenti controllano il pubblico dei loro post, anche di quelli già pubblicati.

Link e tag. Abbiamo chiarito che, a differenza dei tag, i link non ampliano il pubblico di un post. Inoltre, abbiamo aggiunto un suggerimento relativo allo strumento di segnalazione sociale, che offre agli utenti un modo più rapido e semplice per chiedere aiuto a qualcuno di cui si fidano.

Pagine.  Abbiamo aggiunto un suggerimento per ricordare agli utenti che, nel nostro Centro assistenza, possono ottenere informazioni su come controllare le Pagine per le quali hanno cliccato su “Mi piace”.

Altri siti Web e applicazioni
Controllo delle informazioni condivise con le applicazioni.  Abbiamo apportato alcuni aggiornamenti alla presente sezione allo scopo di:
- chiarire che le applicazioni sono autorizzate a ricevere le informazioni degli utenti nel momento in cui questi acconsentono a condividerle, e sono in grado di farlo fino a quando gli utenti non richiedono loro direttamente di cancellare tali informazioni, incluse quelle a cui le applicazioni sono autorizzate ad accedere.
- ricordare agli utenti che dovrebbero valutare la rimozione di un’applicazione che non utilizzano più.
- ricordare agli utenti che possono sempre contattare un’applicazione direttamente per chiedere la rimozione dei dati che condividono con essa.
- aggiungere un esempio per mostrare in che modo un’applicazione può utilizzare le informazioni per personalizzare l’esperienza degli utenti. Ad esempio, utilizzando informazioni quali l’elenco degli amici, un’applicazione può personalizzare l’esperienza degli utenti o mostrare loro quali amici utilizzano quella particolare applicazione.

Come funzionano le inserzioni
Inserzioni personalizzate.  Abbiamo riscritto questa sezione per:
- sottolineare in che modo Facebook utilizza le informazioni che riceve per mostrare agli utenti inserzioni che potrebbero trovare pertinenti e interessanti.
- illustrare più in dettaglio il controllo che gli utenti hanno sulle inserzioni, controllo disponibile a partire dalla pagina dedicata alle pubblicità, accessibile all’indirizzo www.facebook.com/about/ads.
- spiegare che gli inserzionisti possono raggiungere le persone su Facebook anche utilizzando le informazioni degli utenti già in loro possesso (ad esempio gli indirizzi e-mail o le informazioni relative alle eventuali visite ai loro siti Web effettuate in precedenza).

Qui i documenti aggiornati.