Crisi e guerra fil rouge del Premio Ilaria Alpi

(ANSA) La crisi politica ed economica, ma anche quella dei media e dell’informazione, senza dimenticare i venti di guerra che arrivano dalla Siria e la lotta alla mafia. La 19/a edizione del Premio Ilaria Alpi si apre domani a Riccione, per continuare a ”non tacere” nella ricerca della verità. Cinque giorni dedicati alla memoria della giornalista della Rai, uccisa il 20 marzo del 1994 a Mogadiscio in Somalia insieme all’operatore Miran Hrovatin, che si concluderanno con la premiazione di servizi e inchieste che rappresentano al meglio un anno di televisione, nazionale e internazionale. (ANSA, 3 settembre 2013).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi