Lavorare in Facebook non è poi così bello, lo dicono i dipendenti

(ANSA) Giornate lavorative troppo lunghe, nessuna privacy e due boss, Mark Zuckerberg e Sheryl Sandberg, troppo occupati in attivita’ extra lavoro. Sono queste – riporta Business Insider – le lamentele mosse da alcuni dipendenti Facebook, il social network nominato di recente la miglior societa’ in cui lavorare. Insomma per molti dipendenti ed ex lavorare in Facebook non e’ poi cosi’ bello come puo’ sembrare. Alcuni dipendenti o ex dipendenti denunciano una mancanza di ”professionalita”’ e di focus, oltre che una reperibilita’ 24 ore su 24, sette giorni su sette, in alcuni casi per intere settimane. Altri lamentano la mancanza di istruzioni chiare e altri il caos: in un’azienda che cresce rapidamente – affermano alcuni – serve organizzazione e stabilita’. E c’e’ anche un ex dipendente che denuncia: fra i compiti ingrati che gli sono stati assegnati, anche quello di separare, al posto del suo capo, la biancheria per caricare la lavatrice.(ANSA).

Mark Zuckerberg (foto Olycom)

Mark Zuckerberg (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il ceo del New York Times dà dieci anni di vita al suo giornale di carta

Il 70% degli italiani ha paura delle fake news

Mediapro passa al fondo cinese Orient Hontai