Telecom Italia spunta aumento riservato, Bernabè chiama Sawiris

(MF-DJ) Il management di Telecom Italia ha lavorato tutta l’estate per mettere a punto il piano straordinario di tagli ai costi da 800 mln e per trovare anche una soluzione finanziaria capace di fugare ogni rischio di vedere la qualita’ dei propri debiti declassata a spazzatura. E cosi’, scrive Repubblica, al cda del 19 settembre il presidente esecutivo, Franco Bernabe’, e’ intenzionato a proporre un aumento di capitale riservato all’ingresso di un nuovo socio per ridurre immediatamente le passivita’ che a fine giugno erano pari a 29,8 mld.

A questo proposito, prosegue il giornale, il candidato favorito a entrare nel capitale di Telecom e’ Naguib Sawiris, forte di 3,5 mld di liquidita’ ottenuti con la vendita di Wind ai russi di Vimpelcom.

L’ingresso di un nuovo socio disposto a entrare in Telecom, prosegue il quotidiano, potrebbe rappresentare una buona soluzione per mettere in sicurezza la societa’ ma non e’ detto che sia la migliore per i soci Telco. L’interesse di Sawiris potrebbe pero’ accendere la miccia e spingere Telefonica a prendere una decisione in merito al suo futuro ruolo nella societa’ italiana. Una spinta in questo senso arriva anche da Mediobanca, il cui a.d. Alberto Nagel ha gia’ annunciato la volonta’ di uscire dalla compagine di Telco sfruttando la finestra di settembre. Telefonica, essendo il partner industriale e avendo in mano il diritto di prelazione sulle quote degli altri soci ora non puo’ piu’ tentennare: o compra tutto e procede verso una fusione con Telecom – conclude il giornale – o abbandona la partita.

5 settembre 2013

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci