05 settembre 2013 | 17:03

Bbc, caos nei conti per i manager superpagati

“Un caos totale”. Così la presidente della Commissione sui conti pubblici e deputato laburista Margaret Hodge ha definito i libri contabili della Bbc dopo aver letto il rapporto dell’Istituto di sorveglianza sulle indennità assegnate ai manager dell’ente televisivo di Stato. Hodge ha definito la Bbc “un’organizzazione più interessata all’immagine pubblica che ai soldi dei contribuenti”. Sotto accusa la cifra che avrebbe intascato Mark Byford, ex vicedirettore generale prima di andarsene e che corrisponde a poco più di un milione di sterline. Carte alla mano Hodge è andata giù duro: “Alla Bbc erano più interessati a ridurre al minimo la pubblicità negativa e massimizzare i guadagni dei singoli piuttosto che fare ciò che era giusto con il denaro pubblico”. Già l’ultimo rapporto del National Audit Office aveva offerto una fotografia del ‘caos totale’ descritto dalla Hodge “con nessun registro tenuto a posto e con le relative prove documentali che giustificassero decisioni delicate”. La Commissione (una sorta di Commissione di Vigilanza Rai) metterà sul banco degli imputati tutti i dirigenti dell’ente radiotelevisivo perché, è sempre la Hodge a dichiararlo, “tutti si accusano reciprocamente e nessuno si vuole assumere la responsabilità di ciò che è accaduto”. Per poi aggiungere: “A essere sincera sono talmente stufa di sentire gente che dice ‘io sapevo’, ‘io non sapevo’, ‘è mia responsabilità’, ‘io non c’entro’ che ho pensato che il miglior modo di capire cosa sia successo è di averli qui tutti davanti”. E lunedì prossimo sarà un giorno di fuoco, essendo quella la data che la Commissione ha fissato per interrogare i vertici della Bbc. (d.s.)