Cucchiani su Telecom Italia: Non importa la nazionalità dei nuovi soci

(AGI) Non bisogna guardare alla nazionalita’ dei nuovi eventuali soci di Telecom Italia per il suo futuro assetto azionario. E’ il pensiero di Enrico Cucchiani, amministratore delegato di Intesa Sanpaolo, azionista della compagnia telefonica tramite la holding Terco. Per Cucchiani, alla domanda se per Telecom sia meglio l’ingresso di un eventuale socio italiano o estero, la preferenza e’ per la soluzione migliore: “siamo in un mondo aperto, internazionalizzato e globalizzato, per cui credo che la nazionalita’ non sia fondamentale”.
Cucchiani non teme che si rischi di perdere un asset italiano importante in quanto “la telefonia risponde al business piu’ globale che ci sia, le altre compagnie che operano nel Paese non sono italiane, quindi non mi sembra che sia un elemento cosi’ fondamentale”. Allo stesso tempo, ha concluso Cucchiani, “se ci sono comparti del business telefonico che hanno una rilevanza strategica questi potranno trovare altre soluzioni”. Come la rete? “Potrebbe essere”, ha risposto l’amministratore delegato di Intesa. (AGI, 6 settembre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci