L’operazione Microsoft-Nokia accelera le acquisizioni nella telefonia mobile

(MF-DJ) L’acquisizione dei telefonini Nokia da parte di Microsoft sta accelerando le operazioni di m&a che ridisegneranno il panorama della tecnologia e delle tlc.

microsoft-nokia

Due (quasi) ex ceo: Stephen Elop di Nokia e Steve Ballmer di Microsoft

 

Da un punto di vista dell’analisi dei fondamentali, e persino da quella tecnica, scrive Milano Finanza, il titolo Nokia sino a martedi’ 3 settembre non era una scelta ideale, ma l’acquisto da parte di Microsoft della divisione dispositivi e servizi ha portato nelle tasche dei fortunati, o scaltri azionisti, un aumento del 34% nel giro di 12 ore. Le operazioni di merger & acquisition, basate su logiche strategiche piu’ che su solide basi economiche, prescindono infatti dai fondamentali delle singole societa’ coinvolte, consentendo di realizzare forti guadagni sul brevissimo periodo. Proprio il timing e’ uno degli aspetti fondamentali, dal momento che operazioni di questa portata difficilmente avvengono come fulmini a ciel sereno e sono invece spesso precedute da mesi di indiscrezioni, smentite e notizie in non pochi casi fatte circolare proprio da uno o piu’ del molti attori coinvolti, che comprendono advisor, banche d’affari e persino azionisti di peso. Dopo l’acquisizione di Nokia da parte di Microsoft e la cessione plurimiliardaria di Verizon Wireless chiusa con successo da Vodafone, la febbre da m&a sta contagiando l’intero settore della tecnologia e delle comunicazioni, facendo da catalizzatore a una vera e propria trasformazione del panorama e dei suoi protagonisti iniziata nel 2007 con il debutto di iPhone.

9 settembre 2013

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci