Notizie di agenzia, Televisione

09 settembre 2013 | 15:50

Al via la nuova stagione di Ballarò: ‘Farsi domande cambia la vita’

Fonte: Ansa

(ANSA) “Farsi domande cambia la vita”: il claim nel nuovo spot di Ballarò, che torna dal 10 settembre in prima serata su Rai3, riassume perfettamente lo spirito del programma di approfondimento politico più seguito della tv, giunto alla 12 edizione. ”Cerchiamo sempre di farci domande che ci vengono spontanee, e farne anche qualcuna in più. Garantiamo lucidità, impegno e serietà”, dice Giovanni Floris spiegando il ‘metodo Ballarò’ e presentando la nuova stagione in una conferenza stampa cui partecipano anche il direttore di rete Andrea Vianello e, a sorpresa, anche il dg Luigi Gubitosi. ”Per noi è sempre più importante non sbagliare, perché in questo programma c’è sempre di più la nostra identità” aggiunge Floris, per il quale il successo di Ballarò – che conferma la copertina satirica di Maurizio Crozza – è dovuto anche al fatto che ”ogni puntata non si sa come andrà a finire. Noi mettiamo a confronto diverse opinioni, non sappiamo mai chi ha ragione. Questo è sicuramente un elemento di freschezza che gioca a nostro favore”. Rafforzata la redazione e il numero di inviati, nella prossima stagione non mancheranno le inchieste, con ”attenzione alle soluzioni di altri Paesi ai problemi che abbiamo anche noi”, ma ”scopriremo come in alcuni angoli dell’Italia sono stati risolti problemi che dividono il resto del Paese”. Temi di domani? ”Si parlerà della decadenza eventuale di Berlusconi – risponde Floris – e faremo un pò di calcoli sul decreto Imu, parleremo di economia, di tasse e della Siria con un reportage fatto a Damasco”. Per Floris, ”non è vero che la politica non piace alla gente. Non viene criticata la politica, ma la sua inefficienza. Ed è un desiderio trasversale. I cittadini vogliono una nuova classe politica che porti maggiori risultati”. Il conduttore si dice ”ottimista e speranzoso” nel futuro, oltre che convinto che ”siamo arrivati in un periodo che sarà comunque un punto di non ritorno. La vicenda Berlusconi al di là della soluzione tecnica, è un momento nuovo nella sua carriera politica, il confronto Cuperlo-Renzi nel Pd, Grillo…penso che a fine stagione lasceremo Ballarò in un contesto completamente cambiato rispetto ad oggi”. ”Riscendiamo in campo con tutti i nostri fuoriclasse – sottolinea Vianello -, con Presa Diretta, Chi l’ha visto e Ballarò che ripartono Rai3 è già pienamente tornata a pieno regime con la sua batteria di campioni. Ballarò è un motore eccezionale per gli ascolti per la rete e per l’azienda. E’ considerato il programma più autorevole e apprezzato dal pubblico, in un momento politico complesso. Sarà uno dei fiori all’occhiello di Rai3”. ”Sarà una gara di durata su Rai3 tra Un posto al sole e Ballarò”, scherza Gubitosi, per il quale il programma di Floris ”è cresciuto costantemente. L’anno scorso è stata un’edizione magnifica, con una qualità esemplare per il servizio pubblico. Mi fa piacere essermi imbucato a questa conferenza stampa”, aggiunge, per poi sottolineare: ”Mi chiedono se ci sarà Crozza in Rai: in realtà c’e’ già, tutti i martedì sera su Rai3. E conclude. ”Questa edizione sarà meglio dell’anno scorso e peggio dell’anno prossimo”.(ANSA).