Editoria, Notizie di agenzia

12 settembre 2013 | 18:04

Tina Brown lascia il mondo dell’editoria per l’organizzazione Women in the world

Fonte: Tmnews

(TMNews) Tina Brown lascia la direzione del portale The Daily Beast e dice addio al mondo dell’editoria. Ha segnato il settore dei magazine americani riuscendo a rilanciare riviste come Vanity Fair e The New Yorker, entrambi editi da Condé Nast, ma non ha ottenuto lo stesso successo con il The Daily Beast e la sua successiva fusione con Newsweek.

Brown rimarrà al vertice del Daily Beast fino alla fine del 2013, quando scade il suo contratto. La donna ha detto che lancerà Tina Brown Live Media, che si concentrerà sull’organizzazione di ‘Women in the World’, una serie di conferenze che organizza già da molti anni.

La decisione segna la fine della collaborazione di lungo corso tra Brown, 59 anni, e il suo finanziatore Barry Diller, presidente della IAC/InterActiveCorp. I due nel 2008 fondarono The Daily Beast. Nel novembre 2010 la testata acquisì Newsweek, il quale due anni dopo, schiacciata da vendite e introiti pubblicitari in calo, abbandonò le edicole per puntare tutto sul digitale. Il flop portò Iac a vendere la rivista lo scorso agosto a Ibt Media.

Brown ha detto in un comunicato che il Daily Beast le “ha regalato alcuni degli anni più emozionanti e gratificanti della mia vita professionale”, aggiungendo che era “molto orgogliosa” di ciò che aveva raggiunto.

Ora molti si interrogano sul futuro del Daily Beast: il sito ha perso milioni di dollari da quando è stato lanciato nel 2008. Una fonte vicina alla testata ha detto al New York Times che la chiusura è improbabile. Dunque o Iac venderà il quotidiano o si procederà alla nomina di un nuovo direttore che si troverà a gestire una situazione nient’affatto facile. (TMNews, 12 settembre 2012)