Reggio Emilia apre il suo portale antimafia: la forza della legalità è nell’informazione

(TMNews) Si chiama ‘Reggio contro le mafie.it’, uno strumento in più per contrastare le mafie a Reggio Emilia. Si tratta di una piattaforma virtuale di informazione promossa dal Comune che raccoglie contributi giornalistici e video, mette in rete ricerche e inchieste, fa conoscere le attività del ‘Centro di documentazione sulle mafie’ e dei laboratori della legalità nella scuole e nel negozio etico per la vendita di prodotti provenienti dalla terre confiscate alle mafie.

“Il media-cross Reggio contro le mafie.it, ha spiegato l’assessore comunale alla Coesione e sicurezza sociale Franco Corradini, è uno strumento che si basa sulla forza della parola per acquisire conoscenze e nuove consapevolezze da parte di tutti sulla presenza della criminalità organizzata a Reggio, offrendo strumenti di lavoro, divulgando informazioni, ricerche, relazioni degli enti pubblici, tesi di laurea. Uno strumento che affianca alla pubblicazione sul web di tutti i subappalti, frutto della creazione di un’alleanza che ha stretto legami di legalità in tutto il territorio”.

Il portale sarà presentato in occasione di una serie di eventi, in programma fino a dicembre, nella sala del Tricolore del municipio. Durante l’incontro inaugurale di domani sera ‘Reggio Emilia contro le mafie’ sarà proiettata in anteprima la video-inchiesta ‘Non è successo niente’ 40 roghi a Reggio Emilia, realizzata da Cortocircuito, la cui redazione è stata di recente oggetto di minacce nel corso del lavoro di documentazione su alcuni roghi avvenuti in città di sospetta origine malavitosa. (TMNews 16 settembre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Potenza degli influencer. Un tweet di Jenner fa perdere a Snapchat 1,3 miliardi

Lotti: il problema della Serie A era il valore troppo basso. L’assegnazione dei diritti a Mediapro fa ben sperare

Cairo: dal mio arrivo in Rcs, nel 2016, debito sceso di 8 milioni ogni mese