Mercato

17 settembre 2013 | 11:32

Fondazione Telecom Italia pubblica un bando per l’integrazione degli stranieri

Fondazione Telecom Italia ha annunciato  sul proprio sito www.fondazionetelecomitalia.it  un bando per favorire l’integrazione degli stranieri nelle aree metropolitane, mettendo a disposizione piattaforme tecnologiche per una maggiore conoscenza dei servizi disponibili.

Il bando è finalizzato -precisa una nota della fondazione-  a sostenere, nei Comuni con oltre i 50.000 abitanti una popolazione straniera residente maggiore o uguale al 9% (come risultante dai dati ISTAT aggiornati relativi ai singoli comuni), progetti municipali per realizzare iniziative di rete volte a migliorare e sostenere la diffusione e la conoscenza dei servizi all’utenza straniera, agevolando e orientando gli utenti stessi e gli operatori verso i servizi disponibili.  I progetti che saranno sviluppati dai Comuni dovranno facilitare la costruzione di un sistema di comunicazione integrato atto a diffondere la conoscenza dei servizi messi a disposizione dei cittadini, sia daparte delle istituzioni che dei soggetti del Terzo Settore. L’attivitàdi informazione rispetto ai servizi disponibili dovrà essere rivolta anche alla popolazione Italiana in relazione alle singole categorie di utenza; i progetti dovranno riguardare la realizzazione di strumenti
digitali (Apps, portali multilingue , video wall o internet point,un tuttocittà del sociale ) rivolti ai cittadini che possano fungere da aggregatori sociali nelle lingue maggiormente diffuse sull’area territoriale di riferimento.

Il bando, che ha ricevuto il benestare dell’Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani), ha un fondo erogativo totale di 1.000.000 di euro ; i progetti potranno pervenire a Fondazione Telecom Italia  fino al 15 novembre 2013  attraverso l’apposita procedura disponibile sul sito: www.fondazionetelecomitalia.it.  Marcella Logli, Segretario Generale di Fondazione Telecom Italia : “Siamo ormai un paese fortemente multietnico; stando infatti ai datdell’ultimo censimento, nel corso del decennio 2001-11 la popolazionestraniera residente in Italia è triplicata, passando da poco più di
1,3 milioni a circa 4,5 milioni, con una crescita pari al 201,8 %. Nei Comuni di maggiori dimensioni la presenza straniera è nettamente piùsignificativa che altrove, la media degli stranieri censiti dall’Istatnel 2011 è di 67,8/1000, ma nei Comuni con oltre 100.000 abitanti questo dato sale ad 86,3/1000. E’ giusto quindi aiutare le municipalità
a far qualcosa di fortemente utile per agevolare queste fasce di popolazione sempre più numerose e facilitare una concreta e piena integrazione sociale”.