Pigiama party nelle librerie toscane contro la crisi

(ANSA) La casa editrice pisana Felici Editore lancia nelle librerie toscane l’iniziativa ”Pigiama party junior in libreria!”. Tre folletti Felici arriveranno in libreria (di sera, a partire dalle 21) e incontreranno i bambini per farli leggere, divertire, giocare. Un folletto si occuperà di letture animate e leggerà le fiabe della buonanotte, un altro imbastirà laboratori di disegno e giochi di carta e l’ultimo suonerà musica dal vivo con il suo magico flauto. Animatori, librai, folletti e bambini dovranno essere tutti rigorosamente in pigiama. Tutte le serate inizieranno alle 21 e il primo appuntamento è per sabato prossimo alla libreria Ubik di Pisa, poi il 26 ottobre l’iniziativa sarà ripetuta presso Il teatro dei libri a Livorno, il 30 novembre alla Libreria del Forte a Forte dei Marmi (Lucca). Hanno aderito anche altre librerie a Lucca, Pontedera (Pisa), Viareggio (Lucca), Pistoia e Cecina (Livorno) ma le date sono ancora da definire. ”Credo – sostiene l’editore e libraio Fabrizio Felici – che in momenti difficili come questo bisogna fare sostanzialmente due cose: unire le forze, in questo caso editori e librai, e proporre idee da sperimentare. Da sempre ci sono libri per tutto: per imparare a cucinare, ad allevare figli, a scrivere, a fare l’orto e via dicendo. E allora, non potrebbero, le librerie stesse, diventare luoghi di incontro dove, acquistare il libro, sia la giusta conclusione di un percorso più ampio? Forse è così che si combatte la crisi e la concorrenza del mercato on line. Noi abbiamo scelto di partire dai più piccoli che devono imparare a vivere la libreria fino in fondo”. (ANSA, 17 settembre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Oltre 250 giornalisti incarcerati nel 2018 a causa del loro lavoro. Cpj: di natura politica le principali accuse (INFOGRAFICA)

Verso il XXVIII Congresso Fnsi: ControCorrente vince per Stampa Romana; Stampa Democratica prima lista alla Lombarda

Gabanelli: nessun sito d’informazione che non abbia alle spalle un giornale di carta vive di sola pubblicità online