Tasse in Italia per Google: arrivato l’ok della commissione Finanze della Camera

(ANSA) – ROMA, 19 SET – Google e le multinazionali del web dovranno pagare le imposte in Italia per le attivita’ riferibili al nostro Paese in percentuale ai ricavi. Lo prevede un emendamento del Pd alla delega fiscale, approvato in commissione Finanze della Camera. L’emendamento presentato dal gruppo del Pd delega il governo a emanare, nei decreti legislativi di attuazione, delle norme che prevedano ”l’introduzione, in linea con le raccomandazioni degli organismi internazionali e con le eventuali decisioni in sede europea, tenendo conto anche delle esperienze internazionali, di sistemi di tassazione delle attività transnazionali, ivi comprese quelle connesse alla raccolta pubblicitaria, basati su adeguati sistemi di stima delle quote di attività imputabili alla competenza fiscale nazionale”. Si tratta di quello che in gergo tecnico si chiama ”aportionment”, che consiste che far pagare alle multinazionali con sede fiscale all’estero, le tasse in Italia per la parte di ricavi che si stima sia stata prodotta nel nostro Paese. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Potenza degli influencer. Un tweet di Jenner fa perdere a Snapchat 1,3 miliardi

Lotti: il problema della Serie A era il valore troppo basso. L’assegnazione dei diritti a Mediapro fa ben sperare

Cairo: dal mio arrivo in Rcs, nel 2016, debito sceso di 8 milioni ogni mese