Comunicazione, Notizie di agenzia, TLC

20 settembre 2013 | 17:28

Telecom Italia, ipotesi rinvio del patto di sindacato con Telco

Fonte: MF-DJ

(MF-DJ) Al tavolo delle trattative fra i soci italiani di Telco e Telefonica si affaccia l’ipotesi che il patto di sindacato che lega i soci della holding cui fa capo poco meno del 23% di Telecom I. possa avere un piccolo allungamento. Fra le ipotesi che in questo momento vengono fatte la piu’ calda e’ quella di uno slittamento di sei mesi. E’ quanto si apprende da alcune fonti vicine al dossier che fanno presente come lo slittamento della scadenza dell’accordo sarebbe funzionale sia agli interessi dei soci italiani, ovverosia quello di vendere, sia a Telefonica che e’ interessata a tenere quanto piu’ a lungo possibile invariato lo status quo. Il patto tra gli azionisti Telco scade il prossimo mese di marzo e deve essere disdettato entro il prossimo 28 di settembre. In linea di principio gli azionisti non piu’ interessati all’accordo dovrebbero disdettarlo dopodiche’ sarebbero liberi di fare cio’ che desiderano con le azioni Telecom Italia. Questo rischierebbe di avere pero’ ricadute negative sul titolo. In mancanza di un’acquirente, le parti starebbero studiando un metodo per far slittare la scadenza mantenendo lo Status quo ancora per un po’. Ecco quindi che l’ipotesi che circola e’ quella di tenere fermo il patto fino alla scadenza, consentendo poi a marzo ai soci di liberarsi.
I tempi supplementari servirebbero anche per prendere atto del piano industriale di Franco Bernabe’ che verra’ presentato il prossimo 3 ottobre. Molte le ipotesi che circolano in merito. La piu’ accreditata in ambienti finanziari e’ quella che prevede la creazione di tre unita’, una con la rete, una con le attivita’ italiane e una con quelle sudamericane (Brasile e argentina). In cambio dei tempi supplementari Telefonica potrebbe alleggerire i soci italiani di parte delle partecipazioni. In questi giorni ci sono stati degli abboccamenti in tal senso, ma i prezzi circolati erano troppo bassi. Un allungamento dei patti consentirebbe a Telco di affrontare con l’attuale compagine azionaria l’importante scadenza della linea di credito da 1,05 mld, utilizzata per 938 mln, che maturera’ il prossimo 27 novembre. La linea di credito, erogata da Intesa Sanpaolo, Mediobanca, Unicredit, Hsbc e SocGen e’ la prima grossa scadenza del debito della holding.

MF-DJ 20 settembre