23 settembre 2013 | 10:20

Partner stranieri bloccati in nome dell’italianità, Tronchetti Provera si difende

Dopo l’aspra critica di Alessandro Penati sulla storia di Telecom Italia, pubblicata ieri su Repubblica, Marco Tronchetti Provera sente il bisogno di ribattere, difendendo il suo operato e la compagnia di bandiera, in una lettera al direttore di Repubblica pubbicata oggi sul giornale:

GENTILE direttore,

Nel suo articolo di ieri Alessandro Penati, nel ricostruire la vicenda Telecom, scrive: 1) «nel 2001 Tronchetti strapagava il controllo di Telecom». Non è così. Telecom fu acquistata a un multiplo di 8,15 volte l’Ebitda, in linea con i multipli del settore (8,24), tanto che Telefonica nel 2005 acquistò O2 valutandola con un multiplo di 8,5. L’acquisto della quota in Olivetti-Telecom viene fatto per cassa senza caricare Telecom di alcun debito. Pochi mesi dopo Olimpia promuove un aumento di capitale e un’emissione obbligazionaria in Olivetti contribuendo con risorse proprie per circa 1 miliardo di euro (in totale l’aumento di capitale era pari a circa 4 miliardi, metà in azioni e metà in convertibili). L’obiettivo era rafforzare la struttura finanziaria di Olivetti; 2) «invece di fondere holding e società operative create per scalare Telecom… i capitani coraggiosi si comportano da vecchi capitalisti nostrani perpetuando la lunga catena societaria creata con l’Opa».

Tronchetti «perpetua gli errori di Colaninno esercitando il controllo con una catena societaria ancora più lunga (Olimpia al posto di Bell, più Pirelli, Camfin, eccetera) e ancora più debito». Non è corretto. Durante la mia gestione si fanno le fusioni e si accorcia la catena, da Olimpia in giù. Senza tenere conto del merger tra Pirelli e Pirellina, che avviene a un livello societario sopra Olimpia (dove non ci sono scatole vuote create per l’acquisizione di TI, ma aziende storiche e quotate in borsa come Camfin), fondiamo Olivetti con Telecom e Telecom con Tim. Per quanto riguarda il debito, al momento del mio ingresso in Telecom ammonta a circa 43 miliardi di euro. A fine 2004 scende a 29,5 miliardi. Successivamente aumenta nuovamente per effetto delle fusioni. Quando lascio Telecom è pari a 37,3 miliardi. Quindi non più, ma meno debito e catena più corta; 3) «per far fronte ai debiti — Tronchetti n. d. r — vende tutte le attività che la Telecom dei capitani coraggiosi aveva acquistato all’estero». Informazione molto parziale. Vero è che cediamo molte delle società estere, principalmente quelle dove TI era in minoranza e senza possibilità di interventi nella gestione.

Contemporaneamente però sviluppiamo la presenza internazionale di Telecom nella telefonia mobile in Brasile, mercato oggi strategico per TI, e nella banda larga in Europa. Tim Brasile passa dai 5,3 milioni di clienti del 2002 ai 25,4 milioni del 2006 diventando leader di mercato. Nel progetto «broadband europeo» TI passa dai 160 mila clienti del 2003 tra Olanda, Francia e Germania, agli 1,9 milioni di fine 2006. In termini di ricavi le attività internazionali di Telecom passano da 3.681 milioni di euro del 2001 (11,9% del totale) ai 5.072 del 2006 (16,2% del totale). L’ebitda delle attività internazionali passa dal 6,8% del totale al 8,7%. Da non dimenticare poi la call option su Telecom Argentina, ottenuta in questo periodo, che avrebbe permesso di aumentare il peso della componente internazionale sui ricavi; 4) «non investe nella banda larga, perdendo il treno di Internet». E’ falso. Ricordo quanto scritto nel 2006 dall’Agcom: «…Nella diffusione della banda larga eravamo agli ultimi posti. Ai nostri giorni l’Italia, pur partendo da posizioni di retroguardia, sta crescendo con un tasso di incremento (187% in due anni), significativamente superiore a quello dell’Europa a quindici… «. Nella banda larga TI passa dalle 390 mila linee del 2001 ai 6,7 milioni di fine 2006. Tra il 2001 e il 2005 Telecom è l’operatore che dedica agli investimenti la quota maggiore del fatturato (oltre il 17%).

Grazie a questi investimenti la rete di Telecom, come sottolineato da Morgan Stanley nel 2004, era una delle più avanzate in Europa dal punto di vista tecnologico. Anche per questo sempre l’Agcom scrive: «nel comparto delle tlc…l’Italia viene indicata in sede europea come un Paese d’eccellenza nella promozione di servizi a innovativo contenuto tecnologico. La Commissione europea, nel suo ultimo rapporto sullo stato delle telecomunicazioni elettroniche in Europa, sottolinea il ruolo leader dell’Italia nella telefonia mobile e nell’unbundling…»; 5) «nel 2006 Tronchetti si trova nella stessa situazione di Colaninno & Co nel 2001: il valore di Telecom in calo irreversibile». Su questo punto è importante confrontare il valore dell’azienda rispetto ai competitors: tra il 2001 e il 2006, durante la mia gestione, l’azione Telecom ha perso il 7,6% (senza tener conto di quanto restituito agli azionisti terzi nelle operazioni di semplificazione della catena, pari a circa 19 miliardi di euro). Nello stesso periodo, in cui l’indice Dj Stoxx Tlc cedeva il 5,5%, Vodafone cedeva il 21,9%, France Telecom il 38,1%, Deutsche Telekom il 29,9%. Meglio facevano unicamente Bt, che comunque perdeva il 6,1%, e Telefonica, allora cresciuta del 20,4%. Dopo la mia uscita, tra la fine del 2006 e il 2013, Telecom ha perso il 76,1%, con un Dj Stoxx in calo del 13,1%, a fronte della perdita del 24,3% di Deutsche Telekom, di quella del 23,9% di Telefonica e dei rialzi registrati da Vodafone (+56,9%) e British Telecom (+23,4%); 6) «Tronchetti cerca di vendere agli americani di At&t e Slim. Orrore!».

Penati dimentica Telefonica e il tentativo di avviare una partnership con Murdoch. Tutte opzioni che prevedevano per i partner stranieri solo quote di minoranza, ma che la politica bloccò, Telefonica inclusa, in nome dell’italianità dell’azienda. Oggi il tema pare, giustamente, superato. L’ipocrisia di molti e le ennesime ricostruzioni parziali invece no. Orrore doppio!

Marco Tronchetti Provera

Marco Tronchetti Provera

Marco Tronchetti Provera (foto:motorsport.com)

La risposta di Penati:

È proprio vero che non c’è peggior cieco di chi non vuol vedere. Si tranquillizzi però, dott. Tronchetti: in Italia è in buona compagnia (Alessandro Penati)

(Repubblica, 23 settembre 2013)