Il Prix Italia lancia l’archivio condiviso

(ANSA) Alcuni programmi vincitori dal 1958 al 1972 e tutte le edizioni complete dal 1974 fino ai giorni nostri. Il Prix Italia raccoglie la propria storia, mettendola a disposizione delle emittenti che aderiscono al Premio, nel nuovo archivio digitale condiviso, inaugurato oggi a Torino dal segretario generale, Giovanna Milella, nell’ambito del convegno internazionale “L’Albero delle idee”, presso il Museo della Radio e della Televisione di Torino. Un lavoro di recupero dei programmi storici e di digitalizzazione dell’intero concorso voluto e realizzato dalla stessa Milella e curato – a partire dal mese di aprile 2011 – dalla Direzione Teche, Documentazione e Tecnologie per il Catalogo Multimediale a Torino. In totale sono stati digitalizzati circa tremila settecento supporti, in file che rispettano lo standard di codifica in formato H264 e sono fruibili sul portale web del Prix Italia in un’apposita sezione dedicata all’Archivio Storico dove tutte le emittenti che fanno parte del Prix Italia, in tutto il mondo, potranno ora consultare online un patrimonio culturale unico. (ANSA, 24 settembre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi