Gli aiuti all’editoria arriveranno con la legge di stabilità: lo dice il sottosegretario Legnini in un’intervista a Prima

(ANSA) Misure concrete e reperimento delle risorse: sono i punti sui quali sta lavorando il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all’Editoria Giovanni Legnini per arginare la crisi e rilanciare il settore dell’Editoria. “L’obiettivo che ci siamo dati è la legge di Stabilità, il giusto ambito per fare delle scelte”, precisa Legnini nel numero di settembre di Prima Comunicazione, su tablet e in edicola a Milano da domani, a Roma da venerdì 27 e a seguire nel resto d’Italia, indicando la scadenza della presentazione della finanziaria. “Tanto di guadagnato se riusciremo ad anticipare. Ma penso che sia ragionevole collocare l’emanazione delle misure concrete in quel periodo. Il passaggio più difficile è il reperimento delle risorse, ci sto lavorando”. Legnini nell’intervista smentisce che l’Italia sia tanto generosa nell’aiutare l’editoria con soldi pubblici. “E una tesi totalmente infondata”, sottolinea. “In realtà il nostro Paese è fanalino di coda in questo campo. Certo, se continuiamo a ragionare nella logica di rispondere a interessi di questo o quell’editore, di questa o quella forza politica, di questa o quella categoria, non ne usciremo mai. Se invece siamo convinti che un Paese come il nostro non può indebolire, come sta accadendo, il sistema dell’informazione, allora faremo un passo avanti”. Per quanto riguarda l’entità delle risorse che potrebbero arrivare in aiuto al settore editoriale Legnini afferma: “Non ho mai fatto cifre. Alcuni organi d’informazione hanno sparato numeri che, però, non sono mai usciti dalla mia bocca. La maggioranza dei fondi riguarderà la 416, e il finanziamento degli ammortizzatori sociali? Non c’è solo quello, anche se spesso chi scrive è attento soprattutto a questo punto. Infatti, sono molto importanti le risorse per ammodernare la distribuzione, per l’informatizzazione dei punti vendita. E c’è la parte a sostegno dell’innovazione tecnologica e delle iniziative online”. (ANSA, 25 settembre 2013).

Giovanni Legnini (foto Olycom)

Giovanni Legnini (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Confindustria Radio Tv: tagli a informazione non portano benifici; costruire nuovo modello business e riconosciuto copyright 

Dal 22 ottobre al via ‘Fuorilegge’, spazio settimanale di Klaus Davi su TgCom24

Panorama: dai giornalisti ribadito il no alla cessione