Fuori alcuni soci dall’Associazione giovani produttori cinematografici

(ANSA) Nel corso dell’assemblea generale di Agpc (Associazione Giovani Produttori Cinematografici), che si è tenuta il 23 settembre, un gruppo di produttori cinematografici, in disaccordo sulla politica culturale e gestionale dell’associazione e della sua governance, annuncia la propria fuoriuscita dall’associazione. Tra questi alcuni soci fondatori e la maggioranza del consiglio direttivo. Il gruppo, compatto, si legge in una nota, è intenzionato ad aprire nelle prossime settimane un confronto con le altre associazioni di categoria operanti nel campo dell’audiovisivo e del cinema a livello nazionale e regionale, lanciando un appello a tutti i produttori che oggi in Italia ancora credono nel rilancio del cinema indipendente. Il rilancio del ruolo del produttore indipendente è fondamentale se non necessario per il futuro del settore, indicano i soci usciti Tommaso Arrighi, Franco Boccagelsi, Alessandra Buggenig, Manuela Cacciamani, Marianna de Liso, Andrea Magnani, Emanuele Nespeca, Giuseppe Petitto, Giovanni Saulini, Francesco Scura e Andrea Stucovitz.(ANSA, 25 settembre 2013).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Eletti presidenti, vice e segretari Commissioni permanenti. Vigilanza Rai ancora da definire

Giornalisti, domani incontro tra rappresentanti e presidente Camera Fico

Rai, al via bando per giovani talenti dell’animazione