25 settembre 2013 | 16:44

Bezos presenta il nuovo Kindle Fire, ma il suo obiettivo è andare nello spazio. La data? Il 2018

Il nuovo tablet Kindle fire è stato presentato il 25 settembre negli Stati Uniti, è il modello Hdx, processore quad-core a 2.2 ghz e schermo da 8,9 pollici. L’obiettivo di Amazon è di comptere con i dispositivi di fascia alta, come gli Ipad.

Il prezzo sarà sempre basso (379 dollari), ma ora il gigante dell’e-commerce ha creato un’offerta in grado di coprire tutte le esigenze degli utenti. Il Kindle fire Hd, l’attuale modello di punta, verrà deprezzato a 139 dollari.

Il dispositivo verrà messo in commercio da novembre. Forse però non è questa l’innovazione più importante annunciata oggi alla Nbc. Jeff Bezos ha confermato di voler andare nello spazio e di aver già fissato una data: il 2018.

Il fondatore di Amazon non è nuovo a investimenti rischiosi: non solo ha investito 250 milioni di dollari per acquistare il Washington Post, ma due anni fa ha speso 42 milioni per finanziare la costruzione di un orologio all’interno di una montagna del Texas, pensato per durare 10 mila anni e segnare il tempo in caso di eventi catastrofici. È già dal 2009 però che Bezos punta allo spazio, quando fondato Blue origin, una start-up dedicata allo sviluppo di tecnologia aerospaziale.

Proprio durante la presentazione del Kindle, Bezos ha svelato i suoi piani: costruire una piattaforma di lancio multiuso nel nuovo stabilimento Nasa in Florida. Può funzionare per spedire materiale e rifornimenti all’International space station, ma anche per consentire a privati di pianificare i propri viaggi spaziali. Nelle intenzioni del nuovo proprietario del Washington Post, il primo lancio avverrà tra 5 anni, nel 2018.

Oltre alla piattaforma la Blue origin sta anche costruendo le sue navi spaziali, capaci di decollo e atterraggio verticali, dedicate ai viaggi turistici, così come aveva promosso la Virgin con il Galactic, ma non l’ha mai realizzato.

Ancora alla Nbc, Bezos ha detto che gli piacerebbe moltissimo poter viaggiare nello spazio mentre legge un libro con il suo Kindle Fire, anche se teme che la sua attenzione sarà catturata dalla nuova esperienza anziché dal device.