Mediatrade, battaglia in aula su sentenza Mediaset

(AGI) Al processo Mediatrade sui diritti tv che vede imputati tra gli altri Fedele Confalonieri e Piersilvio Berlusconi si torna a parlare della sentenza Mediaset, che ha portato alla condanna a quattro anni per frode fiscale di Silvio Berlusconi.

Il pm Fabio De Pasquale ha annunciato che depositera’ la sentenza della Suprema Corte, chiedendo che sia acquisita al fascicolo del dibattimento. “Perche’ – ha spiegato – la sentenza irrevocabile della Cassazione ha accertato alcune circostanze di fatto”.

Salvatore Pino, legale di Mediaset, e i difensori degli imputati hanno obiettato che la sentenza della Cassazione riguarda un periodo diverso e fatti storici differenti da quelli al centro del processo in corso. I giudici per ora hanno mantenuto il calendario gia’ fissato, rigettando una richiesta delle difese per tradurre gli atti della rogatoria arrivata da Hong Kong.

Il collegio della seconda sezione penale ha stabilito che in seguito eventualmente si decidera’ se tradurre una parte delle carte nel caso cio’ si rivelasse necessario. Il 3 ottobre si tornera’ in aula per ascoltare i consulenti tecnici delle parti. (Agi, 26 settembre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi