Elkann: ciò che conta per Rcs è la stabilità, patti o non patti, non ci interessa

(TMNews) Quello che conta per Rcs è un assetto proprietario che le consenta la stabilità per portare avanti il proprio piano. “Dopodiché, se ci sarà un patto, un patto di consultazione, o nessun patto non mi preoccupa e non è quello a cui noi ci dedichiamo”. È quanto ha dichiarato oggi John Elkann, presidente di Fiat, che è il primo azionista di Rcs con oltre il 20%. “Quello che noi vogliamo poter vedere è una società che abbia sufficiente stabilità per portare avanti i progetti che ha”, ha aggiunto a margine di un convegno organizzato da Valore Di.

Elkann ha poi confermato che Fiat considera strategica la propria partecipazione nella holding editoriale anche per il futuro. “Lo abbiamo sempre dichiarato: lo è e l’abbiamo raddoppiata. Il nostro intento è proprio quello di poter garantire quella stabilità di cui la società ha bisogno. Non vedo alcun vantaggio nell’avere un patto o nessun patto, bisogna intendersi tra soci per assicurare questa garanzia”, ha proseguito.

(TMNews) Elkann ha poi assicurato che tra i soci di Rsc “c’è assoluta armonia. Dopodiché – ha aggiunto – non tutti i soci hanno intenzioni simili. Ci sono soci che hanno intenzione di vendere e sono anche più stimolati vendendo che la società va meglio e dunque questo gli permette di realizzare.
Altri soci pensano che la società ha bisogno di una stabilità per andare ancora meglio e questa è la nostra piena convinzione. Patti o non patti non ci interessa”.
Elkann ha poi rilevato che i risultati dimostrano che il piano e la gestione che sono stati portati avanti stanno dando “frutti positivi” e oggi “abbiamo una società che grazie all’aumento di capitale e al rifinanziamento che è stato voluto dai soci in maniera responsabile è molto più solida patrimonialmente e finanziariamente. Noi – ha sottolineato – in questo processo ci siamo rafforzati proprio per garantire il buon esito di questo e anche per creare le condizioni per avere un assetto proprietario che dia la stabilità necessaria ad Rcs per portare avanti il suo piano”.

26 settembre 2013

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rai: presentati piani editoriali tg e vicedirettori

La classifica internazionale dei brand automobilistici più attivi sui social e dei post più condivisi a novembre

In 5 anni l’editoria ha perso ricavi per 1,2 miliardi e il 40% delle copie cartacee. Tra i big solo Cairo in attivo