Notizie di agenzia, Televisione

26 settembre 2013 | 16:49

Rai, Grillo: “Tarantola e Gubitosi rendano conto dei costi esterni, la Rai nel 2012 registra una perdita di 245,7 milioni di euro”

Fonte: MF-DJ

(MF-DJ) Il bilancio della Rai e’ di 283 pagine. Meritano un’attenta lettura. C’e’ scritto tutto e, allo stesso tempo, non c’e’ scritto nulla”. Lo scrive Beppe Grillo sul suo Blog aggiungendo che “i ricavi ammontano a 2.625 milioni di euro riflettendo una riduzione di 199,3 milioni di euro interamente attribuibile a una caduta dei ricavi pubblicitari”. “La Rai registra dunque nel 2012 una perdita di 245,7 milioni di euro. Per i predetti fenomeni, il risultato 2012 risulta in netto peggioramento rispetto al consuntivo dell’esercizio precedente che chiudeva con un utile di 39,3 milioni”.

“Tutta colpa della pubblicita’, quindi, la perdita? – si chiede Grillo – Vediamo. In un anno di recessione il personale in organico al 31 dicembre 2012 risulta composto da 10.476 unita’, con un incremento di 280 unita’ rispetto al 31 dicembre 2011. In controtendenza rispetto al mercato che pullula di disoccupati. Nel personale sono presenti 579 dirigenti e assimilati, uno ogni 18 dipendenti. La Rai dispone di 1.373 giornalisti. Uno squadrone. Con queste risorse la Rai dovrebbe produrre di tutto e di piu’ al suo interno, invece molti suoi professionisti sono sotto utilizzati o ridotti a passacarte”. La Rai, fa notare Grillo, e’ “un’azienda che incassa 2.683.991 milioni, con un organico di 10.476 dipendenti per un costo 922 mln, spende per consumi di beni e servizi esterni 1.612,6 milioni. Il 60% dei ricavi. E’ una follia gestionale. A chi sono destinati questi soldi? E perche’ non vengono utilizzate professionalita’ interne al posto di costosi e osceni format esterni? Nel bilancio mancano i nomi delle societa’ che incassano 1.612,6 milioni di euro da una societa’ pubblica. I cittadini hanno il diritto di conoscerli, la Tarantola, Gubitosi e il corredo del consiglio di amministrazione hanno il dovere di comunicarli”.

MF-DJ 26 settembre