Aeranti-Corallo chiede un indennizzo al governo per le frequenze dismesse o interferite

 A seguito della transizione alle trasmissioni televisive digitali terrestri  – recita il comunicato di Aeranti-Corallo-  molte imprese televisive locali hanno dovuto dismettere in tutto o in parte le relative reti di trasmissione. Sono, inoltre, numerose le tv locali che hanno ricevuto l’assegnazione di frequenze oggetto  di situazioni interferenziali  con altre emittenti italiane o estere.

Tutto ciò ha generato un ampio contenzioso, attualmente pendente avanti la Magistratura amministrativa.
Al riguardo, l’Avv. Marco Rossignoli, coordinatore di Aeranti-Corallo, ha evidenziato l’esigenza “che il Governo e il Parlamento, per quanto di rispettiva competenza, valutino   di prevedere, nella prossima legge di stabilità per il 2014, forme di indennizzo per le imprese televisive locali  che, a seguito del passaggio al digitale   abbiano subito un azzeramento o un ridimensionamento   della propria copertura radioelettrica originaria”.“Si tratterebbe – ha concluso Rossignoli – di una misura doverosa a favore di soggetti che hanno dovuto cessare o ridimensionare la propria attività dopo decenni di trasmissioni”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Calcio, in Inghilterra è guerra sul “blackout” in tv tra Eleven Sports, FA e Premier League

Bonomi, Assolombarda, scatenato. Al Governo: alimenta paure per ottenere consenso, no a reddito cittadinanza; sì a Tav, Tap e grandi opere

Usigrai denucia: tutto fermo per un “mortificante totonomine”, serve scatto di orgoglio di ad e CdA