Acque agitate all’Unità in vista del cdr di domani 1° ottobre

La redazione dell’Unità è sul piede di guerra in attesa dell’incontro che il cdr avrà domani con Fabrizio Meli, amministratore delegato del quotidiano. Questo pomeriggio, durante un assemblea, è emerso che i giornalisti della testata non hanno gradito la dichiarazione rilasciata al Fattoquotidiano.it in cui, il nuovo azionista di riferimento Matteo Fago, ha definito il giornale un “bollettino di partito”. Inoltre i giornalisti dell’Unità ritengono che le modalità con cui è stato annunciato il nome del nuovo direttore Luca Landò non sono rispettose delle norme contrattuali e delle persone dell’attuale e del futuro responsabile della testata, oltre che della stessa redazione. Infine anche la scelta di un interno non corrisponderebbe alle esigenze di rilancio del giornale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente di Vodafone Italia, Pietro Guindani, alla guida di Asstel

Sciopero ad Askanews dopo la richiesta di 50 esuberi e cassa integrazione al 70%

A Igort (Igor Tuveri) la direzione di Linus edita da Baldini+Castoldi