Comunicazione, Editoria

30 settembre 2013 | 18:19

Ad Assisi oltre mille giornalisti da tutto il mondo per il papa

(ANSA) Sarà, quella di venerdì prossimo, in occasione della festa di San Francesco, la visita di un Papa ad Assisi più seguita dai mezzi di comunicazione: sono stati accreditati già 1.049 operatori dell’informazione provenienti da tutto il mondo. “Nel 2002, per l’ultima visita di Giovanni Paolo II per la preghiera per la pace dopo l’attentato alle torri gemelle, furono 826 i giornalisti”, ha spiegato padre Enzo Fortunato, responsabile della sala stampa del Sacro Convento, oggi pomeriggio in una conferenza stampa in preparazione dell’evento. Padre Giovanni Raia, responsabile dell’organizzazione della diocesi di Assisi, ha previsto che saranno oltre centomila i pellegrini presenti venerdì. “E’ una visita – ha detto – che sarà una scarpinata per le molte tappe previste, ma che invece è un cammino nella fede, un pellegrinaggio nello spirito con grande attenzione per gli ultimi”. Per consentire di seguire le tappe della visita del Pontefice saranno installati otto maxischermi tra Assisi e Santa Maria degli Angeli. Saranno cinque le piazze chiuse dove sarà possibile accedere solo con i pass, che sono complessivamente 40 mila (30 mila per la basilica di Santa Maria degli Angeli; 12 mila per le piazze Inferiore e Superiore di San Francesco; 5.000 per Santa Chiara; 2.000 per San Rufino). Sono state anche allestite due sale stampa per ospitare i giornalisti, una a Santa Maria degli Angeli, alla Domus Pacis, e l’altra alla sala stampa del Sacro Convento. Padre Saul Tambini, responsabile della struttura per la stampa di Santa Maria Angeli, ha ricordato anche altre iniziative che precedono la visita del Papa. Nella giornata del 3 ottobre ci sarà la cerimonia del Transito nella basilica di Santa Maria degli Angeli, presieduta dall’arcivescovo di Perugia mons. Gualtiero Bassetti, presente il delegato pontificio Attilio Nicora. Nell’occasione saranno donate dalle istituzioni umbre cinque lampade, realizzate da altrettanti artisti, per illuminare la Cappella del Transito. (ANSA, 30 settembre 2013).