Televisione

03 ottobre 2013 | 10:38

Maurizio Crozza verso la Rai. Secondo Lettera43 Caschetto starebbe trattando con Viale Mazzini per un contratto da 20 milioni

Il manager-produttore televisivo bolognese Beppe Caschetto starebbe trattando un contratto dorato per far traslocare in Rai Maurizio Crozza, in uscita da La7: oltre 20 milioni di euro per due anni. Lo riporta oggi il sito di Lettera43, che spiega anche quali potrebbero essere le condizioni dell’accordo:

Lo show del comico genovese sarebbe una manna per l’invecchiato palinsesto di RaiUno. Ma il maquillage – o il lifting – non è certo a buon prezzo. La cifra, infatti, supera il tetto fissato da Viale Mazzini per l’intrattenimento: 5-600 mila euro per due ore di programma (per una l’emittente di Cairo ora ne paga circa 450 mila). E un’offerta generosa per lo stesso mattatore di Ballarò. Secono il Fatto Quotidiano, sul tavolo ci sarebbero già 4,5 milioni che potrebbero diventare 5.
La Rai inoltre sarebbe vincolata alla formula del pay or play: anche se Crozza dovesse chiudere, la tivù pubblica dovrebbe comunque sborsare l’intera somma.
Caschetto poi si è assicurato non solo la produzione dello show con buona pace dei recenti patti di sindacato e alla stretta sugli appalti esterni. Ma anche la libertà da ogni controllo editoriale.
Caschetto non è nuovo a questi colpi. Delfino di Bibi Ballandi è un manager invisibile quanto influente. Della sua scuderia oltre a Crozza, fanno parte Daria Bignardi, Geppi Cucciari e Gene Gnocchi, Ilaria D’Amico, Lilli Gruber e Corrado Formigli, Victoria Cabello. E pure Fabio Fazio e Luciana Littizzetto.

Qui l’articolo integrale pubblicato su Lettera43.

Maurizio Crozza in un'esibizione al Festival di Sanremo 2013 (foto Olycom)

Maurizio Crozza in un’esibizione al Festival di Sanremo 2013 (foto Olycom)