Pietro Guindani, presidente di Vodafone Italia: il numero degli operatori dovrà naturalmente ridursi

(MF-DJ) “Necessariamente in Italia ci dovra’ essere un processo di concentrazione, anche perche’ i prezzi sono scesi, c’e’ da tre anni una guerra dei prezzi e quando e’ cosi’ non c’e’ piu’ spazio per tutti, per mantenere lo stesso livello degli investimenti si lavora sulle economie di scale e il numero degli operatori deve necessariamente ridursi”.

Lo afferma, a margine del Convegno “DigitalxItalia” organizzato da Between, il presidente di Vodafone Italia, Pietro Guindani, secondo il quale “e’ naturale che succeda” il consolidamento del settore delle tlc in Italia e in Europa.

Guindani ricorda che Vodafone Italia “investe 900 milioni di euro l’anno per l’infrastruttura di rete e conferma il suo programma di investimento, perche’ c’e’ una domanda di banda larga e ultralarga in crescita”. Il gruppo, invece, prosegue il manager, “ha destinato 8 miliardi allo sviluppo. Ove ci fossero le condizioni, valuteremo” possibili acquisizioni.

3 ottobre 2013

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci