Valentino Rossi e Jovanotti Twitter star in Italia

Valentino Rossi e Jovanotti sono gli ‘dei’ dell’Olimpo tricolore di Twitter, gli account italiani con il maggior numero di ‘follower’ al seguito, gli iscritti che ne visualizzano i contenuti. Mentre @ansa_it e @ansa_topnews sono fra gli account più prolifici. In Italia, secondo Vincenzo Cosenza, uno dei maggiori esperti di social network, solo 10 account hanno più di un milione di follower. Dopo Rossi e Jovanotti ci sono, tra gli altri, il Milan, Beppe Grillo, Matteo Renzi e Balotelli. Valentino Rossi è il piu’ seguito con oltre 2 milioni e 100 mila follower, mentre Jovanotti ne ha piu’ 1 milione e 700 mila. Al terzo posto c’è la pagina ufficiale di Twitter Italia, pure con oltre un milione e 700mila seguaci. Poi il Milan con più di un milione e 300 mila e quasi pari Beppe Grillo. Completano la classifica Balotelli, Radio Deejay, Dolce e Gabbana, Ligabue e SkyTG24. Il calciatore Mario Balotelli, in particolare, è quello con l’account (@FinallyMario) cresciuto più velocemente: nato a maggio ha già superato un milione e 200 mila follower. Al primo agosto 2013 gli account italiani con oltre 100mila follower erano 278. L’analisi di Vincenzo Cosenza svela che i più seguiti dagli utenti non sono esattamente i preferiti da questo micro cosmo di ‘vip’. Al primo posto c’è Jovanotti che viene seguito da 143 account, al secondo Nicola Savino da 92 e al terzo Roberto Saviano da 90, seguito da Beppe Severgnini (88). Il media più seguito è La Repubblica (88), mentre tra i politici spiccano Matteo Renzi (da 81) e Beppe Grillo (da 80). (ANSA, 7 ottobre 2013).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rai, Usigrai scrive a Fico, Casellati e Vigilanza: con riproposizione di Foa per la presidenza attenzione a rischi illegittimità

M5S attacca Odg: non serve. Abolizione già sul tavolo del governo. Replica Fnsi: ritorsioni non fermeranno la stampa

Rai: il 26 settembre alle 13 audizione per Foa in Vigilanza. Alle 19.30 il voto della commissione