Editoria, New media

10 ottobre 2013 | 12:02

In discussione da domani il piano editoriale del Corriere: rinnovamento delle edizioni in edicola e integrazione carta-online

Domani 11 ottobre inizieranno al Corriere della Sera una serie di confronti tra il cdr e il condirettore Luciano Fontata sul piano editoriale presentato alle redazioni da Ferruccio de Bortoli.

Dopo una prima fase, in cui si sono state definite le questioni editoriali e organizzative, domani si inizierà a discutere di ‘pianta organica’. Il confronto toccherà tutte le redazioni, per coinvolgere l’intera struttura del giornale. Il nodo centrale è rappresentato dalla struttura della parte online.

In redazione è stato apprezzato che il documento, disponibile su Primaonline.it, non è stato imposto come un diktat, ma è stato presentato come una proposta aperta al contributo dei giornalisti.

Ferruccio de Bortoli, il direttore del Corriere della Sera

Dal documento si apprende che il sistema del Corriere della Sera sta per rinnovarsi radicalmente, sia nelle edizioni cartacee sia nel digitale. La trasformazione sarà guidata dal nuovo sistema editoriale (Méthode multipiattaforma), che entrerà in funzione entro la fine del 2013 e darà vita all’integrazione tra carta e digitale. Il piano prevede che andrà a regime nel primo semestre del 2014.
I cambiamenti riguarderanno:

L’edizione cartacea
Ci saranno: una “riforma grafica”, una riduzione delle pagine e un nuovo formato, più piccolo. La priorità dei contenuti verrà rivista, alle notizie di agenzia verrà preferita “l’originalità, l’esclusiva, l’approfondimento, l’inchiesta, la spiegazione le informazioni di servizio e le opinioni”, come si legge nel documento del piano editoriale.
Se le edizioni dal lunedì al venerdì verranno ridotte, quelle del fine settimana saranno potenziate “con la Lettura, il Salute alla domenica,  i Tempi Liberi al sabato, o al venerdì e al sabato”. Verranno inoltre progettati nuovi contenuti sia interni al quotidiano (come guide per l’economia o inchieste) sia esterne ad esso (instant book cartacei e digitali e applicazioni).

Il sito web
Verrà lanciato un nuovo sito e ogni sezione web avrà un canale dedicato. Anche i blog multiautore di successo potranno avere canali ad hoc. Il progetto prevede l’aumento della qualità dell’informazione online e potrebbe includere sperimentazioni su forme di pagamento, come un paywall o aree premium.

Corriere Tv
Verrà potenziato il canale televisivo, con un’offerta più ampia. Oltre alle inchieste e alle interviste, Corriere tv si arricchirà con la copertura di eventi importanti. L’obiettivo è rendere i video “non solo un complemento informativo ma un asse portante del sistema Corriere”.
È già in corso di progettazione Corriere Jam, una piattaforma che permetterà agli utenti di inserire i propri contenuti, così come avviene con YouTube.

Mobilità
Sarà ideato un prodotto specifico per gli smartphone, seguito da giornalisti dedicati.

Social network
Aumenterà l’integrazione con la community, proseguendo l’esperienza di Passaparola. A ogni giornalista verrà chiesto di essere ‘social editor’. Le regole di partecipazione sui social media verranno definite con gli organismi sindacali e la redazione.

Corriere digital edition
L’edizione digitale diventerà “il secondo pilastro” del giornale e integrerà contenuti premium, video e approfondimenti. Gli abbonati digitali diventeranno membri del Club del Corriere che prevede offerte per ebook e altri prodotti venduti sulla piattaforma: viaggi, cultura e tecnologia.

Nuove assunzioni
In tempi brevi verrà avviato un bando che prevede l’assunzione di 10-15 persone per i nuovi canali e le nuovi funzioni del sistema Corriere. La direzione del quotidiano discuterà la nuova pianta organica con il comitato di redazione.

La versione integrale del piano editoriale e organizzativo del sistema Corriere della Sera è disponibile su Primaonline.it (formato pdf).