New media

14 ottobre 2013 | 10:38

Posta certificata: superata la soglia dei 5 milioni di indirizzi

(ANSA) Un bacino sempre più ampio quello degli indirizzi di posta elettronica certificata: alla fine del mese di settembre – fa sapere InfoCamere – è stata superata la soglia dei 5 milioni di indirizzi telematici di imprese e professionisti italiani, consultabili sul portale INI-PEC. Pensato con l’intento di semplificare la comunicazione tra cittadini, imprese, professionisti e istituzioni, il nuovo portale ”è la prova che l’innovazione passa anche attraverso azioni semplici, come mettere a disposizione in un luogo digitale gli indirizzi di posta elettronica certificata”. INI-PEC è consultabile online senza bisogno di autenticazione, in modo semplice e rapido, ed è diviso in due sezioni: una per le imprese e l’altra per i professionisti. Ad oggi – segnala ancora la società di informatica del sistema camerale – sono stati raccolti e caricati circa 950mila indirizzi Pec di professionisti, relativi ad oltre 1.800 Ordini e Collegi professionali, e quasi 4,2 milioni indirizzi Pec di imprese (società ed imprese individuali). Quasi l’80% degli ordini e collegi professionali tenuti a comunicare gli indirizzi PEC dei propri iscritti ha inviato i dati a INI-PEC e aggiorna le informazioni con regolarità. A quattro mesi dal lancio (avvenuto il 19 giugno scorso) il portale INI-PEC conta più di 300mila accessi e quasi 3milioni di pagine visualizzate. Le ricerche effettuate sono state oltre un milione. Obiettivo del nuovo portale telematico, quello di ”dare la possibilità ai vari soggetti economici e alle pubbliche amministrazioni di interagire con semplicità, efficienza ed economicità: condizione indispensabile per uno sviluppo più rapido ed efficace del sistema paese”. Alla realizzazione di INI-PEC hanno collaborato vari soggetti quali il ministero dello Sviluppo economico, gli ordini professionali e Collegi territoriali, le Camere di Commercio e la stessa InfoCamere che ha realizzato il portale sulle linee-guida del Mise. (ANSA, 14 ottobre 2013).