14 ottobre 2013 | 16:10

Mondadori Pubblicità: Sajeva lascia, Mauri presidente e ad, Salvaderi direttore generale

Il progetto di riorganizzazione di Mondadori Pubblicità, che prevede un rapporto sempre più stretto con Publitalia, la concessionaria di Mediaset, ha prodotto già un primo effetto: l’uscita dell’amministratore delegato di Mondadori Pubblicità Angelo Sajeva. È noto che Sajeva, dal novembre 2007 amministratore delegato e dal gennaio 2008 anche presidente di Mondadori Pubblicità, ha sempre sostenuto l’autonomia della concessionaria del gruppo di Segrate, e dunque di fronte a un totale cambio di scenario non poteva che uscire di scena.

Angelo Sajeva

Angelo Sajeva

Oggi il Consiglio di Amministrazione di Mondadori Pubblicità ha attribuito le cariche di presidente e amministratore delegato a Ernesto Mauri, amministratore delegato del gruppo Mondadori. Paolo Salvaderi, dal gennaio 2008 vice direttore generale grandi mercati e key clients, è stato nominato direttore generale di Mondadori Pubblicità.

Sajeva – spiega un comunicato del gruppo – ha deciso di interrompere, in pieno accordo con l’azionista Arnoldo Mondadori Editore, il rapporto di lavoro per valutazioni e motivazioni di carattere personale delle quali il Consiglio ha preso atto con rincrescimento.
Il Consiglio di Amministrazione – continua il comunicato – è particolarmente grato ad Angelo Sajeva per lo straordinario lavoro svolto dal 2007 a oggi, con una passione e un coinvolgimento fuori dal comune. Grazie alla definizione di nuovi target e aree di interesse, all’ottimizzazione e nel contempo al forte coinvolgimento della rete di vendita e alla creazione di nuovi format, Sajeva ha saputo vincere le difficilissime sfide del mercato con il risultato di mantenere Mondadori Pubblicità in una posizione di leadership per tutti questi anni, in un contesto molto complesso per l’editoria in generale e la pubblicità in particolare. Per questi motivi – conclude la nota – Mondadori esprime profonda gratitudine ad Angelo Sajeva, al quale augura nuovi e brillanti successi.

Paolo Salvaderi (foto Simone Comi)

Paolo Salvaderi (foto Simone Comi)