New media

16 ottobre 2013 | 9:53

I ricavi di Twitter raddoppiano ma resta il rosso. Intanto sceglie il Nyse per quotarsi

(ANSA) Ricavi raddoppiati ma conti in rosso. Twitter continua la propria crescita e sceglie il Nyse per quotarsi, in quella che e’ una sconfitta per il Nasdaq, riuscito lo scorso anno a strappare la quotazione di Facebook. In una comunicazione alla Sec, Twitter annuncia ricavi in forte crescita nel terzo trimestre a 168,6 milioni di dollari, in aumento rispetto agli 82,3 milioni di dollari dello stesso periodo dell’anno scorso. A spingere la crescita la pubblicita’ sul mobile, che ha rappresentato il 70% del totale ricavi pubblicitari. Le perdite, anche, sono pero’ aumentate a 64,6 milioni di dollari dai 21,6 milioni dell’anno precedente, con il forte aumento delle spese per ricerca e sviluppo. Le nuove informazioni arrivano mentre Twitter si appresta ad aprire il road show che, secondo indiscrezioni, potrebbe iniziare gia’ il 25 ottobre. Twitter nel terzo trimestre ha avuto una media di 232 milioni di utenti attivi al mese, il 6% in piu’ rispetto al secondo trimestre ma in rallenatmento rispetto al 7% del periodo aprile-giungo e al 10% dei primi tre mesi dell’anno. La decisione di quotarsi con il simbolo TWR sul Nyse rappresenta una vittoria per il listino, che negli ultimi due anni ha attirato societa’ tecnologiche di elevato profilo, quali LinkedIn e Pandora. Il Nasdaq e’ stato scelto invece da Facebook. ”Tutti noi abbiamo sperato che Twitter ci scegliesse” afferma un portavoce del listino. ”E’ un’importante per il Nyse, che continua cosi’ la sua affermazione nel settore tecnologico” mette in evidenza il Nyse. La quotazione al Nyse e’ – secondo alcuni osservatori – il modo di Twitter per dire ‘non dipingeteci’ come Facebook. Proprio le difficolta’ di Facebook sul Nasdaq il primo giorno della quotazione sarebbero alla base della decisione di Twitter di rivolgersi a un diverso listino. (ANSA, 16 ottobre 2013).

Jack Dorsey, fondatore di Twitter (foto Olycom)

Jack Dorsey, fondatore di Twitter (foto Olycom)