TLC

17 ottobre 2013 | 11:58

Il Senato approva la mozione sugli assetti societari di Telecom Italia

(MF-DJ) Il Senato ha approvato la mozione a prima firma Massimo Mucchetti (Pd) e la mozione a prima firma Lello Campolillo (M5S) sugli assetti societari di Telecom Italia. La mozione Mucchetti impegna il Governo ad “attivarsi al fine di introdurre, con la massima urgenza, anche attraverso l’adozione di un apposito decreto-legge, le necessarie modifiche al Testo Unico per la Finanza (Tuf)” per dotare lo Stato di adeguati poteri di salvaguardia degli asset strategici di Telecom Italia, come la rete di telecomunicazione, dopo gli accordi fra gli azionisti che porteranno al passaggio del controllo dell’azienda agli spagnoli di Telefonica. Gli obiettivi delle modifiche normative proposte dalla mozione sono tre: in primo luogo “rafforzare i poteri di controllo della Consob nell’accertamento dell’esistenza di situazioni di controllo di fatto da parte di soci singoli o in concerto tra loro”; in secondo luogo “aggiungere alla soglia fissa del 30%, gia’ prevista per l’Opa obbligatoria, una seconda soglia legata all’accertata situazione di controllo di fatto”; in terzo luogo “completare, con la massima urgenza, l’adozione dei regolamenti di attuazione” per quanto riguarda “l’esercizio da parte dello Stato della golden rule nel caso di imprese di interesse strategico, specialmente quando sono in gioco infrastrutture da cui dipende la sicurezza del Paese”.
Il Senato ha approvato anche la mozione del Movimento 5 Stelle che impegna il Governo anche ad “assicurare un piu’ rapido sviluppo delle reti in fibra di nuova generazione” e ad assicurare “piena tutela e valorizzazione dell’occupazione e del patrimonio di conoscenze e competenze di Telecom Italia.

MF-DJ 17 ottobre